Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia farmacologica d'abbassamento Iniziale diminuisce arteria-ostruire la placca

Terapia farmacologica d'abbassamento Iniziale dopo che l'ospedalizzazione per la sindrome coronarica acuta sembra diminuire arteria-ostruire la placca, secondo uno studio riferito nella Circolazione: Giornale dell'Associazione Americana del Cuore.

Ciò era vera anche fra i pazienti che non hanno avuti livelli elevati molto del colesterolo della lipoproteina a bassa densità (LDL o “Male "). La Sindrome coronarica acuta comprende l'attacco di cuore instabile di angina (dolore toracico), di St-elevazione o di elevazione non ST.

“Questa è la prima prova che la placca può regredire con il trattamento iniziale dello statin nei pazienti di attacco di cuore,„ ha detto Shinya Okazaki, M.D., l'autore principale dello studio e un istruttore nel dipartimento della cardiologia alla Scuola di Medicina dell'Università di Juntendo a Tokyo. “Questa prova fornisce ulteriore supporto per l'uso degli statins dopo un attacco di cuore.„

I Ricercatori hanno studiato 70 pazienti che hanno avuti procedure di emergenza per riaprire le arterie limitate dopo che hanno gli attacchi di cuore o angina instabile. La Metà dei pazienti ha ricevuto le dosi di mg del quotidiano 20 delle atorvastatine d'abbassamento della droga. L'altra metà (gruppo di controllo) ha ricevuto una dieta d'abbassamento. Se il loro livello elevato del colesterolo di LDL fosse ancora molto (150 mg/dL o più alti) un mese più successivamente anche con la dieta, medici hanno prescritto un inibitore di assorbimento del colesterolo.

“Abbiamo supposto che il trattamento iniziale dello statin diminuisse il volume della placca dell'arteria dopo un attacco di cuore e, pertanto, farebbe diminuire la sua probabilità di avere altro attacco di cuore,„ Okazaki abbiamo detto.

Okazaki ed i colleghi hanno misurato il volume della placca di ogni paziente facendo uso della tecnologia intracoronary di ultrasuono all'inizio dello studio e dopo sei mesi della terapia.

Hanno trovato, a sei mesi, che il livello di LDL-C è stato diminuito da 41,7 per cento nel gruppo di atorvastatine rispetto ad un aumento di 0,7 per cento nel gruppo di controllo.

La placca nell'imbarcazione è stata diminuita da una media di 13,1 per cento nel gruppo di atorvastatine, ma è aumentato - da una media di 8,7 per cento - di gruppo di controllo.

“L'effetto positivo delle atorvastatine era evidente se la gente è entrato in studio con un LDL-C superiore a 125 mg/dL o non, indicando che questa terapia di riduzione dei lipidi sarebbe stata utile se la gente che ha attacchi di cuore avere molto ricco in colesterolo o non,„ Okazaki ha detto. “Potrebbe essere che, quando ha dato per sei mesi subito dopo di attacco di cuore, la terapia mira al ` vulnerabile,' di placca ricca di lipido nell'imbarcazione.„

Okazaki ha detto che presto colesterolo-abbassarsi può non solo indurre la placca vulnerabile a regredire, ma potrebbe anche stabilizzarlo, sebbene questo non fosse valutato in questo studio. Ciò ha potuto essere un modo importante diminuire la probabilità di un attacco di cuore ricorrente - indipendentemente dal livello del LDL-C di un paziente. In questo piccolo, studio a breve termine, non c'erano differenze negli eventi cardiaci (attacco di cuore, morte cardiaca, angina, angioplastia di ripetizione o ambulatorio di esclusione di ripetizione.)

Gli studi Futuri dovrebbero esaminare come la terapia dello statin stabilizza la placca presto dopo un attacco di cuore come pure gli effetti di altre nuove droghe d'abbassamento di LDL, ha detto.

I Co-author sono: Takayuki Yokoyama, M.D.; Katsumi Miyauchi, M.D.; Kazunori Shimada, M.D.; Takeshi Kurata, M.D.; Hitoshi Sato, M.D.; e Hiroyuki Daida, M.D.

http://www.americanheart.org