Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il salmone ha alimentato meglio con un gran numero di acido grasso omega-3 per i pazienti cardiaci che il salmone alimentato con olio vegetale

Uno studio effettuato dal centro del polmone e del cuore all'ospedale di Ullevaal a Oslo ha dimostrato che il salmone domestico alimentato con il pesce contenente olio un gran numero di acidi grassi omega-3 è migliore per i pazienti cardiaci che il salmone alimentato con olio vegetale (olio di colza).

“I pazienti cardiaci che hanno mangiato hanno addomesticato il salmone alimentato con un gran numero di acidi grassi omega-3 indicati il rischio diminuito per ulteriore sviluppo della malattia,„ dice il professor Harald Arnesen all'ospedale di Ullevaal. “Questi pazienti hanno mostrato una riduzione significativa degli indicatori conosciuti di rischio per lo sviluppo della coronaropatia. Tutti i pazienti hanno avvertito una riduzione del loro livello di colesterolo. Ciò coincide con cui già conosciamo - che il salmone è una parte ragionevole della dieta norvegese tipica.„

È la prima volta che l'alimentazione differente per il salmone domestico è stata indicata per pregiudicare la salubrità dei pazienti cardiaci. Lo studio, “dal fiordo da biforcarsi„, è un progetto cooperativo che comprende l'ARCO di Nutreco dell'impresa di piscicoltura, l'istituto della salute pubblica norvegese, l'istituto nazionale di nutrizione e della ricerca dei frutti di mare ed ospedale di Ullevaal, con il contributo al consiglio della ricerca della Norvegia.

La ricerca è stata effettuata con 60 pazienti cardiaci che sono stati divisi in tre gruppi. Durante il periodo di sei settimane i pazienti hanno mangiato 700 grammi di salmone che ogni settimana si è divisa oltre cinque pasti. Il primo gruppo ha mangiato il salmone alimentato con l'olio di pesce che ha contenuto un gran numero di acidi grassi omega-3. Il secondo ha mangiato il salmone alimentato con una miscela di 50 per cento dell'olio di pesce e di 50 per cento dell'olio vegetale. Il terzo gruppo ha mangiato il salmone alimentato con olio vegetale puro.

Il salmone alimentato con l'olio di pesce ha avuto un di più alto livello di omega-3 che il salmone che ha avuto l'alimentazione mista ed il salmone alimentati con olio vegetale. Il livello di acidi grassi omega-3 nell'alimentazione di color salmone è stato riflesso nei raccordi di color salmone ed ulteriore livelli del siero omega-3 nei pazienti'.