Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca suggerisce che la vittimizzazione nell'infanzia aumenti il rischio di disordini psicotici, quali la schizofrenia o la depressione maniacale

La gente con psicosi riferisce un profondo eccesso di persecuzione ingiusta delle esperienze, molte di cui si sono presentate durante l'infanzia, secondo un nuovo studio.

La ricerca suggerisce che le circostanze avverse presto nella vita possano essere più comuni nella gente che successivamente sviluppa i disordini psicotici, quali la schizofrenia o la depressione maniacale.

Questo studio, pubblicato nell'edizione di settembre del giornale britannico della psichiatria, ha usato i dati dalla seconda indagine nazionale britannica della morbosità psichiatrica per esaminare le associazioni fra i disordini psicotici ed una serie di esperienze iniziali di vittimizzazione.

I disordini psichiatrici sono stati identificati con una valutazione strutturata di 8580 adulti che vivono nelle famiglie private in Gran-Bretagna. Ai dichiaranti sono stati chiesti se avevano avvertito gli eventi selezionati, che video sulle schede.

Le tre aree hanno riguardato i problemi, la malattia ed il decessso inclusi di relazione; l'occupazione e le crisi finanziarie; ed in terzo luogo esperienze di vittimizzazione. La vittimizzazione avverte l'abuso sessuale incluso, opprimente, la violenza nella casa, funzionare fuori casa, cronometra in un'istituzione dei bambini, essendo espellendo dal banco, essendo senza tetto o essendo una vittima della malattia seria, della lesione o dell'assalto

È stato trovato che tutti solo una delle esperienze sono stati riferiti più frequentemente dalla gente con i disordini psicotici che da quelle senza i problemi psichiatrici, l'esperienza di vittimizzazione più frequente che è abuso sessuale. La gente con i disturbi mentali, la dipendenza dell'alcool o la farmacodipendenza comune egualmente ha avuta tassi alti di segnalazione delle tali esperienze.

Nel caso di ogni esperienza il rischio relativo era più alto nel gruppo di psicosi, con un'eccezione interessante: non stava essendo essendo espellendo dal banco più frequente nel gruppo di psicosi che nel gruppo di controllo normale, ma è stato riferito considerevolmente più spesso nel gruppo alcoldipendente ed era particolarmente più frequente nel gruppo dei tossicodipendenti.

Gli autori dello studio commentano che essendo espellendo comprende la risposta delle autorità di banco a comportamento inaccettabile, suggerente che la gente con psicosi potrebbe essere socialmente reticente nell'adolescenza, contrariamente al ` in anticipo recitante' il comportamento di quelli con i problemi di abuso di farmaci e dell'alcool.

Gli studi della ricerca precedentemente hanno suggerito che il maltrattamento durante i primi anni potesse influenzare lo sviluppo della schizofrenia, ma ugualmente che le singolarità comportamentistiche nell'infanzia possono piombo al maltrattamento ed essere un segno in anticipo della schizofrenia di sviluppo. Gli autori concludono che c'è un contributo sociale importante alle cause di psicosi.

Suggeriscono che i clinici dovrebbero cercare di stabilire l'esistenza e la pertinenza di persecuzione ingiusta delle esperienze nei loro pazienti. la terapia Conoscitivo-comportamentistica per psicosi dovrebbe continuare a mettere a fuoco sul significato dei traumi più iniziali relativamente alle esperienze psicotiche.