Il vaccino della varicella (Varicella) ha salvato le centinaia degli Stati Uniti di milioni di dollari dalla sua introduzione

Un nuovo studio dell'università del Michigan ha trovato che il vaccino della varicella (Varicella) ha salvato le centinaia degli Stati Uniti di milioni di dollari poiché la sua introduzione nel 1995 impedendo i generi di casi severi che hanno usato per inviare i bambini, gli anni dell'adolescenza e gli adulti all'ospedale.

E l'immunità diffusa alla malattia che è derivato dalla vaccinazione della maggior parte dei bambini anche sembra proteggere la gente che non ha avuta lo scatto, i ricercatori dice. Meno infezioni fra i capretti significa la meno esposizione per gli anni dell'adolescenza e gli adulti che non hanno avuti la malattia o il vaccino -- e chi sono più probabili da avere bisogno del trattamento di ospedale per i sintomi e le complicazioni se ottengono la malattia.

In un documento nell'emissione di settembre della pediatria del giornale, un gruppo dall'ospedale pediatrico di C.S. Mott dell'università del Michigan dà mai i primi dati per riferire una diminuzione nazionale nell'ospedalizzazione in relazione con l'esantema del pollo che accade simultaneamente con l'aumento nelle tariffe di immunizzazione per la malattia.

“I risultati mostrano un risparmio annuale di $100 milioni dal varicella, o dalla varicella, vaccino sono stati presentati, appena nel costo di cura di ospedale per la gente con i casi severi. Quello è maggior del risparmio preveduto nell'analisi dell'pre-approvazione del vaccino,„ dice l'autore principale ed il pediatra Matthew M. Davis, M.D. di U-M, M.A.P.P. “il risparmio della fattura dell'ospedale erano considerevoli per Medicaid e gli assicuratori privati ed infine per i contribuenti, i datori di lavoro e gli impiegati che pagano quella copertura.„

Il risparmio non comprende altri costi di varicella, quali le visite di medico, i farmaci da vendere su ricetta medica, i rimedi non quotati in borsa o il tempo di lavoro perso per i genitori o i pazienti adulti -- quale egualmente si pensano che diminuiscano come conseguenza del vaccino di varicella.

Ma le riduzioni dei costi annuali dell'ospedale da solo sono abbastanza da pagare una grande parte del costo complessivo di vaccinazione di tutti i capretti americani contro varicella, Davis dice.

Lo studio indica che la tariffa nazionale degli scarichi dell'ospedale per varicella e delle complicazioni relative ha caduto 74 per cento nel primi sei anni dopo che il vaccino in primo luogo è andato sul servizio. Prima del vaccino, c'era ogni anno l'un'ospedalizzazione in relazione con l'esantema del pollo per ogni 20.000 Americani. Da ora al 2001, quando 76 per cento dei bambini erano stati vaccinati, la tariffa era le 0,26 ospedalizzazioni per 20,000 persone.

Il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie stima che prima del vaccino, ci siano stati ogni anno 4 milione casi di varicella in tutta la nazione, con conseguente 11.000 ospedalizzazioni e 100 morti. La maggior parte delle casse sono state trattate a casa.

Dopo l'introduzione del vaccino, le nuove manifestazioni di studio, il più grande calo nelle tariffe dell'ospedalizzazione erano fra i bambini piccoli, per cui il vaccino è stato raccomandato dal 1995 ed ora è richiesto per il banco o l'iscrizione di babysitter nella maggior parte dei stati.

Che cosa è la varicella?

La varicella è una malattia infettiva altamente causata dal virus del varicella, un membro della famiglia del virus di herpes. Nei climi temperati, la varicella si presenta il più delle volte in inverno e primavera in anticipo.

Chi ottiene la varicella?

La varicella è comune negli Stati Uniti. Virtualmente ognuno che non sia vaccinato acquista la varicella dall'età adulta. I casi si pensano che diminuiscano mentre i livelli vaccino di copertura aumentano.

Come la varicella è sparsa?

La varicella è trasmessa ad altre tramite il contatto personale diretto, dalla gocciolina o dalla diffusione dispersa nell'aria degli scarichi dal radiatore anteriore e dalla gola di una persona infettata o indirettamente tramite il contatto con gli articoli sporcati di recente tramite gli scarichi dalle lesioni della persona infettata. Le croste stesse non sono considerate contagiose.

Che cosa sono i sintomi della varicella?

I sintomi iniziali comprendono l'inizio improvviso di leggera febbre e di ritenere stanchi e deboli. Questi presto saranno seguiti da un'eruzione del tipo di bolla che prude. Le bolle finalmente si asciugano, crust più e formano le croste. Le bolle tendono ad essere più comuni sul coperto su che sulle parti del corpo esposte. Possono comparire sul cuoio capelluto, ascelle, circuito di collegamento e perfino sulle palpebre e nella bocca. Le infezioni delicate o unapparent si presentano occasionalmente in bambini. La malattia è solitamente più seria in adulti che in bambini.

Quando i sintomi compaiono?

I sintomi compaiono comunemente i 14-16 giorni (un intervallo di 10-21 giorni) dopo l'esposizione a qualcuno con la varicella o il herpes zoster (assicelle).

Quando e per quanto tempo può una persona spargere la varicella?

Una persona può più trasmettere la varicella da una ai due giorni prima dell'inizio dell'eruzione finché tutte le lesioni non non crusted. La gente che immunocompromised può essere contagiosa per un periodo più lungo.

L'infezione di esperienza con la varicella rende una persona immune?

La varicella provoca generalmente l'immunità per tutta la vita. Tuttavia, questa infezione può rimanere nascosta e ricorrere anni più successivamente come assicelle in una percentuale di adulti più anziani ed a volte in bambini.

Che cosa sono le complicazioni connesse con la varicella?

I bambini neonati (di meno che bambino di un mese) di cui le madri non sono immuni e pazienti con la leucemia possono soffrire la varicella severa, prolungata o interna. I pazienti di Immunocompromised, compreso quelli sulle droghe immunosopressive, possono avere un rischio aumentato di sviluppare un modulo severo della varicella o delle assicelle. Il sindrome di reye è stato una complicazione potenzialmente seria connessa con la varicella clinica che fa partecipare quei bambini che sono stati curati con l'aspirina. L'aspirina o i prodotti aspirina-contenere dovrebbe non essere dato mai ad un bambino con la varicella.

C'è un vaccino per la varicella?

Un vaccino per proteggere i bambini dalla varicella in primo luogo è stato conceduto una licenza a nel marzo 1995. È stato raccomandato per le persone oltre 12 mesi dell'età. Per proteggere i neonati ad alto rischio ed i pazienti immunocompromised dall'esposizione, uno scatto dell'immunoglobulina di zoster del varicella (VZIG) è efficace nella modificazione o nell'impedire della malattia se dato in 96 ore dopo l'esposizione ad un caso della varicella. I bambini e gli adulti più anziani che precedentemente hanno avuti varicella non devono essere vaccinati. Contatti il vostro dipartimento di salubrità del locale o di medico per ulteriori informazioni sul vaccino della varicella.

Che cosa può una persona o una comunità fare per impedire la diffusione della varicella?

Il migliore metodo per impedire ulteriore diffusione della varicella è per la gente infettata con la malattia per rimanere casa ed evitare esporre altre che siano suscettibili. Se sviluppa i sintomi, dovrebbero rimanere casa fino a una settimana dopo che l'eruzione cutanea ha cominciato o fino alle lesioni sia asciutto e crostoso. Presti particolare attenzione ad evitare l'esposizione inutile dei neonati nonimmune e della gente immunocompromised alla varicella.

C'è un trattamento per la varicella?

Nel 1992, il acyclovir è stato approvato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per il trattamento della varicella in bambini in buona salute. Tuttavia, perché la varicella tende ad essere delicata in bambini in buona salute, la maggior parte dei medici non ritengono che sia necessario da prescrivere il acyclovir.