L'imaging a risonanza magnetica aiuta l'osteoartrite della misura

I ricercatori dalla Monash University dell'Australia hanno rivoluzionato le scansioni del ginocchio con lo sviluppo di nuova tecnologia che sfrutta la potenza di imaging a risonanza magnetica (MRI).

La nuova tecnica misura la perdita di cartilagine del ginocchio ed è particolarmente utile nella diagnostica dell'osteoartrite, una le cause di piombo di dolore ed inabilità nella comunità e del disordine osteomuscolare più comune che pregiudica gli australiani.

Il Dott. Flavia Cicuttini, che ha passare i cinque anni scorsi che perfezionano la scansione del ginocchio MRI, dice che è un modo molto più preciso di misurazione della perdita della cartilagine. Finora, determinare le dimensioni dell'osteoartrite in un paziente è stata fatta pricipalmente con i raggi x.

“MRI è stato utilizzato spesso nella valutazione delle giunzioni di ginocchio dopo che le lesioni, quali nel caso dei calciatori e le stelle di sport, ma finora non è stata utilizzata molto nella valutazione del livello di usura in giunzioni,„ lei ha detto. “I raggi x possono individuare soltanto i grandi cambiamenti nell'uso dalle giunzioni su un lungo periodo di tempo e finora non c'è stato altro modo misurare i leggeri cambiamenti nell'osteoartrite.

“Ma il problema è che i raggi x mostrano soltanto l'osso, non cartilagine, in modo da è un modo altamente inesatto di determinazione della tariffa di perdita della cartilagine.„

La nuova tecnica mette a fuoco sulla giunzione di ginocchio e mostra la quantità di cartilagine, che è particolarmente utile nella diagnosi dell'osteoartrite.

“Invece di richiedere mezz'ora per una scansione completa di MRI, il nostro metodo richiede soltanto cinque minuti, che riduce significativamente il costo,„ lei ha detto. “A tempo, questa tecnologia ha potuto essere usata come strumento della selezione disponibile al grande pubblico per valutare il danno della cartilagine, le dimensioni del danno e la possibilità dell'osteoartrite di sviluppo paziente.

“Prevediamo che in futuro medici vogliano esaminare la cartilagine del ginocchio come corrente stanno facendo con le scansioni di densità ossea.„

Il Dott. Cicuttini ha detto che il gruppo aveva padroneggiato la tecnica e già aveva esaminato diverse centinaia pazienti. “Già la ricerca dal nostro gruppo di studio ha indicato quella della gente con l'osteoartrite, un terzo chi ha perso la cartilagine alla tariffa più veloce su un biennio era sette volte più probabile da avere una sostituzione del ginocchio in quattro anni.

“Questo dà l'appoggio importante per usando questo metodo per valutare la terapia farmacologica e le strategie preventive per la circostanza.

“Lo scopo finale della ricerca è affinchè i professionisti di salubrità possa usare la tecnologia per identificare i nuovi metodi per impedire e trattare l'osteoartrite. Inoltre, finalmente speriamo di fornire alle persone informazioni sulle quante cartilagine del ginocchio hanno ed in modo da forniamo le informazioni del rischio di una persona di sviluppare l'osteoartrite severa.„

Il Dott. Cicuttini ha detto che la maggior parte dei casi dell'osteoartrite sono stati trovati in gente di mezza età e più anziana e più di 90 per cento delle sostituzioni del cinorrodo e del ginocchio, che hanno uguagliato a circa 40.000 nuovi casi ogni anno, sono stati causati da questa malattia di giunzione degenerante.

Sta lavorando con il professore associato David Suter di Monash dall'istituto di sistemistica della visione completamente per automatizzare il trattamento.