Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente con Alzheimer delicato era più probabile fare determinare gli errori

La gente con il morbo di Alzheimer delicato fa più errori su una prova di azionamento che la gente più anziana senza i problemi conoscitivi, secondo uno studio pubblicato nell'emissione del 14 settembre della neurologia, il giornale scientifico dell'accademia americana della neurologia.

Lo studio ha compreso una prova di azionamento della su strada con 32 persone con il morbo di Alzheimer delicato e 136 persone senza i disordini neurologici. La gente con il morbo di Alzheimer ancora stava guidando, sebbene alcune avessero diminuito il loro azionamento dovuto le restrizioni imposte da soli o le loro famiglie.

La prova minuta 45 ha compreso “il su compito„ tempo quando i driver sono stati dati le istruzioni verbali seguire un itinerario come pure cronometra quando i driver non erano “sul compito,„ o non è stata chiesta di ricordare e seguire le istruzioni.

La gente con Alzheimer era più probabile fare determinare gli errori durante il compito itinerario-seguente che quelle senza Alzheimer. Per esempio, più di 70 per cento della gente con Alzheimer reso almeno ad un giro sbagliato mentre dopo l'itinerario, mentre circa 20 per cento di quelli senza Alzheimer reso almeno ad un giro sbagliato. E quasi 70 per cento di quelli con Alzheimer fatto due o più errori di sicurezza, come la direzione irregolare o passare alla spalla, mentre dopo l'itinerario, confrontato a circa 20 per cento di quelli senza Alzheimer.

L'esecuzione del compito ha accentuato lo spazio della sicurezza fra i due gruppi confrontati a quando i driver non sono stati chiesti di seguire le istruzioni specifiche.

“Non c'era differenza nel controllo di base del veicolo per la gente con Alzheimer,„ ha detto l'autore di studio ed il neurologo Matthew Rizzo, MD, dell'università di Iowa in Iowa City. “Questo piombo noi credere che le domande mentali di seguenti istruzioni verbali e della navigazione dell'itinerario nuovo possano fare concorrenza ai driver' risorse conoscitive e potenzialmente alterare le loro idoneità alla guida.„

La gente con Alzheimer che aveva una conoscenza di con l'area della città in cui la prova è stata effettuata non si è persa durante la prova, sebbene quelle con Alzheimer che erano poco familiari con l'area fossero probabili perdersi durante la prova.

“I driver con Alzheimer in anticipo possono avere difficoltà che impara i nuovi itinerari ma continuare a traversare esattamente sugli itinerari esperti,„ Rizzo ha detto. “Questo suggerisce che i driver' polizze della licenza potrebbero essere considerati che concederebbero guidare soltanto nelle vicinanze esperte per la gente con demenza delicata.„

Rizzo egualmente ha notato che alcuna della gente con Alzheimer non ha fatto alcuni errori o non si è persa ed ha guidato sicuro. “Questo lo suggerisce che qualche gente con Alzheimer delicato rimanga driver adatti e dovrebbe concedersi continuare a guidare,„ ha detto.

Lo studio ha concluso che l'idoneità alla guida della gente con danno conoscitivo delicato dovrebbe essere valutata con le prove di azionamento che comprendono le mansioni che controllano le loro abilità dell'attenzione e di memoria.

Il neurologo David Drachman, MD, dell'università di facoltà di medicina di Massachusetts a Worcester, che ha scritto un commento circa lo studio, ha acconsentito che la valutazione della su strada è il migliore modo verificare determinare la competenza. Ha detto, “se il driver con Alzheimer delicato è oggi sicuro, io raccomanda che un giro del membro della famiglia con lui o lei almeno una volta al mese e se l'osservatore ritiene pericoloso, il driver più non fa funzionare un veicolo.„

Ergun Uc, MD, Steven Anderson, PhD, Qian Shi, ms e Jeff Dawson, ScD, anche dell'università di Iowa, ha contribuito forte a questo studio.

Lo studio è stato supportato dalle concessioni dall'istituto nazionale su invecchiamento.

L'accademia americana della neurologia, un'associazione di più di 18.000 neurologi ed i professionisti della neuroscienza, è dedicata a migliorare la cura paziente con formazione e la ricerca. Un neurologo è un medico con addestramento specializzato nei disordini di diagnostica, di trattamento e di gestione del cervello e nel sistema nervoso quali la sclerosi a placche, la sindrome delle gambe senza riposo, il morbo di Alzheimer, la narcolessia ed il colpo.