Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori hanno mirato con successo ad una proteina del HIV che ha eluso le terapie attuali

In che cosa possono essere un primo punto verso l'espansione dell'arsenale contro il HIV, Uc Irvine.

I Ricercatori hanno mirato a Nef, una proteina responsabile dell'accelerazione dello sviluppo della sindrome da immunodeficienza acquisita, o dell'AIDS. Nef è stato mirato a con le piccole molecole sintetizzate dai ricercatori - molecole che hanno interrotto l'interazione di Nef con altre proteine.

La tecnica usata per l'identificazione delle molecole sintetiche anche può piombo alle nuove terapie farmacologiche con le opzioni migliori del trattamento.

I ricercatori hanno usato una tecnica scientifica chiamata “visualizzazione dei fagi,„ che è usata per identificare i piccoli inibitori della molecola che possono interrompere le interazioni fra le proteine. Secondo Gregory Weiss, piombo il ricercatore e l'assistente universitario nel Dipartimento di Chimica a UCI, il suo gruppo di ricerca ha fissato la proteina di Nef alla superficie di un virus inoffensivo, quindi ha creato le molecole sintetiche che potrebbero mirare a e sposta la proteina.

Ciò è la prima volta la visualizzazione dei fagi è stata usata per identificare le molecole che interrompono le interazioni della proteina-proteina.

Mentre il metodo riusciva, Weiss ha detto la sostanza tossica provata identificata molecole alle celle. Ora sta cercando di sviluppare i composti meno tossici che avranno alte potenze contro Nef senza causare il danno collaterale. Un vantaggio chiave di questo risultato, ha aggiunto, sarebbe lo sviluppo delle terapie facendo uso di più piccole molecole, che possono essere utilizzate spesso in farmaci orali. Le Terapie che contano sulle più grandi molecole sono utilizzate in farmaci iniettati dal ago di stampa.

“Provando le piccole molecole possiamo essere efficaci per l'ottimizzazione del Nef, abbiamo indicato come i ricercatori possono ampliare la lotta contro l'AIDS,„ abbiamo detto Weiss.

I ricercatori hanno riferito la settimana scorsa i loro risultati nell'edizione online degli Atti dell'Accademia delle Scienze Nazionale. La versione della stampa della pubblicazione comparirà nell'edizione del 28 settembre del giornale.

Il Virus dell'immunodeficienza umana, conosciuto comunemente come il HIV, è conosciuto per causare l'AIDS. Il virus attacca il sistema immunitario dell'organismo, rendente l'organismo vulnerabile alle infezioni ed a determinati cancri. I Sintomi di Infezione HIV acuta possono comprendere la febbre, l'emicrania, la fatica ed i linfonodi ingrandetti. Il virus è sparso il più comunemente avendo sesso non protetto con una persona infettata.

Costituito Un Fondo Per dalle Fondamenta di Mabel e di Arnold Beckman, il Fondo di Burroughs Wellcome e gli Istituti della Sanità Nazionali, lo sforzo di ricerca triennale hanno compreso l'innovazione nella piccola scoperta della molecola. Condotto interamente a UCI, la ricerca pluridisciplinare ha compreso un'associazione fra tre laboratori e una collaborazione degli scienziati in chimica, biologia molecolare, biochimica e patologia.

Oltre a Weiss, i co-author dello studio sono Allison Olszewski, KEN Sato, Zachary D. Aron, Frederick Cohen, Aleishia Harris, Brenda R. McDougall, Jr. di W. Edward Robinson ed Intermedio di Larry. Olszewski, un candidato di laurea in chimica, è l'autore principale del documento. Il laboratorio dell'Intermedio ha sintetizzato le piccole molecole; Il laboratorio di Robinson le ha provate a tossicità e ad attività cellulari anti-HIV; ed il laboratorio di Weiss' ha realizzato le misure per identificare quali molecole erano inibitorie a Nef.

Piombo dal chimico Gregory Weiss, i ricercatori hanno inventato un sistema per l'identificazione degli alcaloidi della guanidina - piccoli inibitori della molecola delle interazioni della proteina-proteina. Hanno fissato la proteina di Nef alla superficie di un batteriofago (un virus di cui il host è un batterio), che ha fornito una manopola del `' che potrebbe essere tenuta la carreggiata dai ricercatori per determinare se Nef stava legando a tre proteine cellulari, come sono la funzione di Nef. (Sebbene Nef possa legare bene alle tre proteine in assenza del batteriofago, i ricercatori hanno usato semplicemente il batteriofago come manopola per guardare l'associazione.)

Dopo, i ricercatori hanno cercato un meccanismo che avrebbe interrotto l'associazione da Nef. Hanno trovato che le loro molecole e Nef entrambe sintetizzati hanno fatto concorrenza per legare con le proteine cellulari. Ogni volta le molecole sono riuscito, Nef è stato spostato dall'associazione alle tre proteine cellulari e così è stato inibito.

http://www.uci.edu