Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio presenta le righe multiple di prova contro il collegamento proposto fra SV40 e mesoteliomi umani

Il mesotelioma è un cancro aggressivo dell'intercapedine di torace che uccide circa 2000 persone un l'anno negli Stati Uniti.

Settanta - ottanta per cento dei pazienti con questo cancro raro hanno avuti esposizione all'amianto. Egualmente è stato proposto che il virus scimmiesco 40 (SV40), un agente inquinante in alcuni vaccini di polio amministrati negli anni 50 e gli anni 60, potrebbe essere una causa.

Tuttavia, gli studi che riferiscono la rilevazione di DNA SV40 in tumori umani (mesoteliomi compresi ed anche alcuni linfomi, tumori al cervello e cancri di osso) non hanno dato coerente gli stessi risultati una volta ripetuti da altri gruppi. Ciò ha rifornito un dibattito in corso sopra i metodi del laboratorio e la resistenza di combustibile dell'associazione di SV40 con questi tumori.

Uno studio, pubblicato nell'emissione del 25 settembre della lancetta, mette in dubbio questo collegamento proposto fra SV40 e mesotelioma pleurico e fornisce una spiegazione possibile per le discrepanze nei risultati ottenuti dai gruppi differenti. I ricercatori al centro commemorativo del Cancro di Sloan-Kettering (MSKCC) hanno usato parecchi metodi indipendenti per individuare il RNA DNA SV40, SV40 e le proteine SV40 nei campioni pleurici umani del mesotelioma e non hanno trovato prova per un ruolo significativo per SV40 in mesoteliomi umani. Inatteso, hanno trovato che le sequenze di DNA SV40 individuate in alcune analisi non sono state derivate da SV40 genuino nei campioni di tessuto ma dalle sequenze di DNA SV40 costruite nei vettori comuni del plasmide del laboratorio utilizzati nella ricerca di biologia molecolare. Questa sorgente delle sequenze di DNA SV40 può essere non riconosciuta, piombo all'interpretazione errata dei risultati di analisi come indicazione della presenza di SV40 genuino in tumori umani. I loro risultati sono un'avvertenza ad altri ricercatori da essere vigilanti nella prevenzione dei questi errori tecnici quando il futuro di pianificazione studia con SV40.

“Poiché SV40 era un agente inquinante riconosciuto di alcuni polio e vaccini dell'adenovirus negli anni 50 e nell'inizio degli anni 60, il suo potenziale di causare il cancro in esseri umani è stato una sorgente del dibattito intenso da quando la rilevazione evidente di DNA SV40 in alcuni tumori umani in primo luogo è stata riferita,„ Fernando spiegato Lopez-Rios, M.D., del dipartimento di patologia e dell'autore principale dello studio. “Un aspetto importante del nostro studio era che la disponibilità del tumore congelato del mesotelioma campiona ha permesso che noi cercassimo SV40 RNA (un prodotto previsto di DNA funzionale SV40), che non è stato studiato mai in ampia serie di mesoteliomi ed indicassimo che fosse completamente assente.„

Il loro studio presenta le righe multiple di prova contro il collegamento proposto fra SV40 e mesoteliomi umani. Come componente della loro ricerca in corso sulla biologia di mesotelioma pleurico umano, di questo gruppo dei ricercatori di MSKCC cercati DNA SV40, di RNA, o di proteina nei campioni di tessuto congelati da 71 mesotelioma pleurico umano. Secondo lo studio, la metodologia usata dalla maggior parte dei ricercatori per la rilevazione di DNA SV40 è associata con un ad alto rischio dei risultati del falso positivo. Di conseguenza, gli autori propongono che i dati su SV40 in tumori umani debbano essere riesaminati con attenzione.

“Il nostro lavoro precedente su mesotelioma ha mostrato che quello circa 80 per cento dei tumori hanno perso entrambe le copie del gene soppressore del tumore designato p16 o CDKN2A e questo piombo noi chiedere se l'infezione SV40 potrebbe essere un meccanismo possibile nei 20 per cento rimanenti,„ ha detto Marc Ladanyi, M.D., Direttore, laboratorio di patologia molecolare diagnostico e l'autore senior dello studio. “Ma invece abbiamo trovato che prova per SV40 in questi tumori ed i nostri esperimenti non mostri per la prima volta come le analisi comunemente usate individuare il DNA SV40 in tumori umani sono a risultati erroneamente positivi unicamente inclini. Speriamo che questi risultati accelerino il progresso su questo cancro micidiale.„

Inoltre partecipare a questo studio era Valerie Rusch, M.D., capo del servizio toracico e Peter B. Illei, M.D., del dipartimento di patologia del centro commemorativo del Cancro di Sloan-Kettering.

Il centro commemorativo del Cancro di Sloan-Kettering è il mondo più vecchio e più grande istituzione votata alla prevenzione, alla cura paziente, alla ricerca ed alla formazione nel cancro. I nostri scienziati e clinici generano gli approcci innovatori per capire, diagnosticare e trattare meglio il cancro. I nostri specialisti sono guide nella ricerca biomedica e nella traduzione della ricerca ultima per avanzare il livello di cura del cancro universalmente.