Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca continua a mostrare i vantaggi cardiovascolari del consumo di pesce o degli acidi grassi omega-3

la ricerca U.S.A.-Pari-esaminata continua a mostrare i vantaggi cardiovascolari del consumo di pesce o dell'assunzione omega-3 degli acidi grassi poli-insaturi a catena lunga (n-3 LC-PUFAs).

Parecchi studi descritti settembre 2004 nella ricerca precedente di sostegno del bollettino di PUFA che associa tale assunzione con i 40 per cento o maggior riduzione della morte cardiaca improvvisa. Ciò è buone notizie per i paesi come gli Stati Uniti con i tassi alti di malattia cardiovascolare.

Una meta-analisi di 13 studi con più di 222.000 partecipanti ha indicato che il consumo di pesce è stato associato una volta alla settimana inversamente con il rischio di mortalità della malattia di cuore rispetto a coloro che mai ha consumato il pesce o non ha agito in tal modo meno una volta al mese, Joyce celebre Nettleton, D.Sc., R.D., l'editore, bollettino di PUFA. I partecipanti hanno mangiato più spesso il pesce, il più basso il loro rischio di mortalità della malattia di cuore.

“Questi risultati sono coerenti con il peso e totalità di prova che associa il consumo corrente di pesce con il rischio significativamente diminuito di mortalità cardiaca,„ ha detto.

Un altro studio ha mostrato che quello che mangia lo sgombro o l'altro pesce al forno o cotto alla griglia almeno una - tre volte un il mese sono state associate con una probabilità più bassa 24% della gente più anziana che sviluppa la fibrillazione atriale -- un tipo comune di ritmo disordinato del cuore si è associato con la mortalità cardiaca aumentata. Un terzo studio ha riferito che mangiando i pesci due o più cronometrano una settimana sono stati associati con riduzione significativa della limitazione arteriosa in tutte le donne. Il consumo di ricchi del pesce in n-3 LC-PUFAs è stato associato almeno una volta alla settimana significativamente con progresso più lento di malattia in donne diabetiche, di cui la circostanza aumenta il loro rischio di mortalità cardiaca.

Inoltre, gli effetti antinfiammatori di n-3 LC-PUFAs promuovono la salubrità del cuore come celebre da Philip C. Calder, professore, istituto dell'alimentazione umana, l'università di Southampton, Regno Unito, in questa emissione del bollettino di PUFA.

“L'infiammazione è un fattore a lungo riconosciuto che contribuisce alla patologia di parecchie malattie croniche,„ lui ha detto. “Egualmente partecipa all'aterosclerosi, agli eventi cardiovascolari acuti ed all'obesità. Quindi, gli agenti che esercitano gli atti antinfiammatori sono probabili essere importanti sia nella prevenzione che nella terapia di una vasta gamma di di malattie e di circostanze umane. Omega-3 LC-PUFAs dall'olio di pesce esercitano gli effetti antinfiammatori.„

“Certamente il tempo è venuto ad abbracciare di tutto cuore le raccomandazioni per il consumo corrente di pesce ed assicurarsi che il pesce rimanesse in abbondanza,„ Nettleton ha concluso.