Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'università di Cambridge esegue le autorizzazioni di brevetto esclusive e l'accordo di collaborazione di ricerca e sviluppo con le reti del gene internazionali

L'università di Cambridge ha preso parte a due accordi di licenza con l'internazionale delle reti del gene (GNI), accordante i diritti esclusivi alla proprietà intellettuale di Cambridge relativa all'angiogenesi (la crescita di nuovi vasi sanguigni) e l'infiammazione che possono avere implicazioni nell'identificazione di nuovi obiettivi della droga per un intervallo delle malattie.

Impedire l'angiogenesi ha il potenziale di morire di fame i tumori cancerogeni dell'offerta di sangue, fornenti il trattamento alternativo per determinati tipi di cancri.

La proprietà intellettuale conceduta una licenza a è basata su lavoro intrapreso dal Dott. Cristin Print, dal Dott. Steve Charnock-Jones e dal Dott. Nicola Johnson del dipartimento di patologia e del dipartimento dell'ostetricia e della ginecologia all'università di Cambridge e dal professor Stephen Smith, precedentemente capo del dipartimento dell'ostetricia e della ginecologia all'università di Cambridge ed ora direttore della facoltà di medicina all'istituto universitario imperiale Londra.

L'università di Cambridge e GNI egualmente hanno stipulato in ricerca e sviluppo un accordo di collaborazione, costruente su questo lavoro nel corso dei due anni successivi.

Il Dott. Christopher Savoia, presidente e direttore generale di GNI ha detto:

“Siamo entusiasmati per essere i partner commerciali scelti per questo portafoglio di proprietà intellettuale, che dovrebbe fornire a GNI ed alla comunità terapeutica di valore alto nel cancro, nella malattia cardiovascolare e nell'infiammazione. Inoltre, l'accordo di collaborazione ci concederà l'accesso ineguagliabile agli impianti ed ai pazienti di Cambridge per lo sviluppo di terapeutica umana.„

Il Dott. David Secher, divisione di servizi del direttore di ricerca all'università di Cambridge ha detto:

“Questi accordi emozionanti assicurano che le scoperte importanti possano essere sviluppate correttamente a favore dei pazienti e piombo all'identificazione migliore dell'obiettivo per lo sviluppo delle droghe per varie malattie con una migliore comprensione delle reti del gene.„