Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'indagine dei professionisti di salute riproduttiva espone l'esigenza degli strumenti supplementari di formazione sulla terapia di sostituzione di ormone

La società americana per medicina riproduttiva (ASRM) ha annunciato oggi alla sua sessantesima riunione annuale i risultati di nuova indagine dei professionisti di salute riproduttiva sull'argomento del trattamento e della formazione della menopausa.

ASRM ha eseguito un'indagine online di 556 professionisti di salute riproduttiva (membri e non soci di ASRM) dagli Stati Uniti ed all'estero. Lo scopo dell'indagine era di valutare le interazioni dei professionisti di salute riproduttiva con i pazienti correnti che stanno avvertendo i sintomi della menopausa; e per valutare l'esigenza di migliore formazione sulle ultime opzioni del trattamento, le idee sbagliate comuni ed i modi indirizzare hanno fatto comunemente le domande.

Secondo l'indagine, quasi 100 per cento di tutti gli esperti in salute riproduttiva acconsentono che i loro pazienti sono confusi circa i trattamenti della menopausa e 73 per cento dicono che passano la maggior parte del loro tempo che consiglia i loro pazienti della menopausa circa il migliore trattamento.

“Questa indagine rappresenta un benchmark dei professionisti' atteggiamenti circa menopausa ed opzioni disponibili di trattamento,„ dice Robert W. Rebar, il MD, direttore esecutivo di ASRM. “Dopo l'udito dai nostri membri e dai nostri colleghi fuori di ASRM, sappiamo che c'è una necessità di fornire meglio i professionisti di salute riproduttiva della conoscenza e degli strumenti necessari per rispondere ai loro pazienti' domande e per raccomandare le opzioni migliori del trattamento.„

Con 84 per cento dei professionisti di salute riproduttiva che specificano che accoglierebbero favorevolmente gli strumenti di formazione di paziente, c'è un bisogno immediato per lo sviluppo di una lista di controllo di sintomo e di un rischio/analisi dei benefici di terapia ormonale dell'estrogeno (HT).

I punti culminanti dall'indagine includono:

  • La maggior parte dei professionisti di salute riproduttiva prescrivono regolarmente la terapia ormonale dell'estrogeno (95%), i lubrificanti vaginali (78%) o l'esercizio (77%) per i loro pazienti della menopausa. I meno trattamenti prescritti comprendono i bioidenticals (16%), la crema del testoterone (22%), la soia (32%) e il cohosh nero (33%)
  • La maggior parte dei professionisti di salute riproduttiva sono interrogati riguardo alle vampate di calore (96%), la terapia ormonale della menopausa (95%), i cambiamenti dell'umore (91%), notte suda (90%) e cambiamenti nella libido (90%)
  • Gli esperti in salute riproduttiva chiedono ai loro pazienti riguardo alle vampate di calore (96%), all'osteoporosi (93%) ed alla terapia dell'estrogeno (92%)
  • La terapia ormonale della menopausa con estrogeno è il trattamento più comunemente usato (95%) e 86 per cento dei professionisti acconsentono che il GH è quello, la maggior parte di efficace trattamento globale per i sintomi della menopausa
  • Settantatre per cento dei professionisti di salute riproduttiva acconsentono che stanno vedendo un aumento nel numero dei pazienti che sono confusi circa il migliore modo trattare i sintomi della menopausa
  • Novantotto per cento dei professionisti di salute riproduttiva diagnosticano termini della menopausa dei pazienti' discutendo i sintomi presenti. Altre tattiche comuni includono le prove di densità ossea (86%), o i comitati dell'ormone (60%).
  • Per quanto riguarda le opzioni della menopausa del trattamento, soltanto un quarto dei professionisti dice che i pazienti stanno chiedendo notizie sui bioidenticals
  • La maggior parte dei professionisti (45%) non pensano che i bioidenticals siano un efficace, modulo possibile del trattamento