Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ruboxistaurin può diminuire la perdita della visione dalla malattia dell'occhio indotta da diabete

Il ruboxistaurin composto d'investigazione della società e di Eli Lilly può diminuire la perdita della visione dalla malattia dell'occhio indotta da diabete, secondo le nuove analisi dei dati precedentemente riferiti presentati alla riunione congiunta 2004 dell'accademia americana dell'oftalmologia e della società europea dell'oftalmologia a New Orleans, La.

Le analisi hanno mostrato quell'edema maculare diabetico (DME) -- una manifestazione seria di retinopatia diabetica che accade quando il liquido si accumula nella retina e causa il gonfiamento (1) -- è stato associato con l'acuità visiva più bassa quando ha compreso il centro della macula. La severità della partecipazione centrale è stata associata con la severità di perdita della visione, secondo le analisi.

I pazienti che hanno ricevuto 32 mg al giorno del ruboxistaurin sono sembrato avere migliori acuità visiva (migliore visione) ai livelli equivalenti di partecipazione del centro della macula di quanto i pazienti placebo-trattati (dati da una prova con circa 63 pazienti per gruppo di trattamento). Inoltre, c'era una tendenza verso meno progressione del DME comprendere il centro della macula in pazienti che ricevono 32 mg di ruboxistaurin (dati da una prova con 170 pazienti per gruppo di trattamento).

“Un tasto ad impedire la perdita della visione la malattia dell'occhio diabetica è di impedire l'edema maculare la coinvoluzione del centro della macula, in cui pregiudica la parte della retina che è la più importante per la visione dettagliata,„ ha detto Lloyd Paul Aiello, il MD, il PhD, il direttore associato dell'istituto dell'occhio di Beetham al centro del diabete di Joslin, facoltà di medicina di Harvard University. “Questi dati suggeriscono che il ruboxistaurin possa avere il potenziale di fare diminuire la progressione dell'edema maculare diabetico per comprendere il centro della macula. Un test clinico di fase 3 è in corso più ulteriormente esplorare questi risultati preliminari.„

Queste analisi hanno compreso i dati dalle 3 alle prove controllate a placebo bifasi del ruboxistaurin in pazienti con la malattia dell'occhio diabetica, in uno con una durata minima di 30 mesi ed in uno con una durata minima triennale. Le prove hanno iscritto complessivamente più di 900 pazienti con retinopatia diabetica ed i gradi differenti di DME. Nel corso degli studi, i pazienti hanno fatti sia la loro misurare acuità visiva che le dimensioni del DME durante le visite multiple.

L'un'analisi ha esaminato le 540 determinazioni concorrenti differenti dell'acuità visiva e la distanza del DME dal centro della macula in 122 occhi dei pazienti che ricevono il trattamento del placebo soltanto. I risultati hanno indicato che l'acuità visiva era vicina al normale in occhi con l'edema maculare che non ha compreso il centro della macula (circa 80 lettere corrette, equivalente a circa 20/25 di visione, sul protocollo di acuità visiva di ETDRS -- la misura standard utilizzata nella ricerca di acuità visiva). L'acuità visiva era significativamente più bassa in occhi con l'edema maculare che ha compreso il centro della macula (circa 65 lettere corrette, corrispondendo a circa 20/50 di visione, P < 0,001.).

In una seconda analisi, i pazienti (n=67) con gli occhi che mostrano la partecipazione concentrare che stavano catturando 32 mg al giorno del ruboxistaurin hanno avuti più alta acuità visiva media che gli occhi dei pazienti di placebo (n=61) -- 71 lettera corretta contro 60 lettere, P < 0,01. Questa differenza non è stata veduta alle dosi più basse del ruboxistaurin. Inoltre, c'era una tendenza verso meno progressione del DME dall'esterno di 500 micron al centro della macula in pazienti che catturano 32 mg di ruboxistaurin (n=168) che in pazienti placebo-trattati (n=176) -- 20 per cento contro 31 per cento, P = 0,083. Questa differenza non è stata veduta alle dosi più basse del ruboxistaurin.

I risultati da un'analisi precedentemente condotta di questi due test clinici combinati hanno indicato che gli effetti secondari si sono distribuiti ugualmente fra sperimentale e gruppi del placebo e che il ruboxistaurin era generalmente buono tollerato dai pazienti. Mentre nessuna causa - e - relazione di effetto è stata stabilita fra il ruboxistaurin e tutto l'evento, gli effetti secondari più comuni veduti nelle prove erano rinofaringite, emicrania, tosse ed ipertensione.

L'edema maculare diabetico è una manifestazione di retinopatia diabetica che accade quando l'accumulazione fluida causa la macula, o il centro della retina, per gonfiare. Ciò può causare la perdita della visione e di blurriness. (2) la retinopatia diabetica, una di tre complicazioni microvascolari diabetiche importanti, pregiudica i piccoli vasi sanguigni in una parte dell'occhio chiamato la retina.

Corrente non c'è terapia di prescrizione negli Stati Uniti o Europa approvata per mirare al trattamento di fondo di danno che microvascolare quello piombo a retinopatia diabetica. I dati preclinici indicano che il ruboxistaurin, corrente essendo studiando per il trattamento di retinopatia diabetica e di altre complicazioni microvascolari diabetiche, è un inibitore specifico di PKC beta. PKC beta è un enzima che è stato implicato nel trattamento di fondo di danno microvascolare.