Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Un sistema immunitario in una bottiglia permetterebbe la produzione più veloce e più facile di un vaccino antiinfluenzale

Il professore associato Nicholas Kotov dell'Università del Michigan crede che l'un giorno, le celle in quei favi possano essere usate per coltivare i pezzi di ricambio per i nostri organismi, o persino un intero sistema immunitario artificiale in una bottiglia.

Un sistema immunitario in una bottiglia permetterebbe la produzione più veloce e più facile di un vaccino antiinfluenzale, così impedendo un'altra scarsità, ha detto. Inoltre, il sistema immunitario in una bottiglia darà a scienziati le bugne come progettare i vaccini che attivano una risposta immunitaria alla parte costante di un virus di influenza, facenti le vaccinazioni annuali, molto possibilmente, inutili, Kotov ha detto.

Nel documento “Ha Invertito i Cristalli Colloidali come Impalcature 3-D delle Cellule,„ pubblicato il mese scorso nel giornale Langmuir, il laboratorio di Kotov nell'instituto dell'ingegneria chimica ed altri collaboratori hanno introdotto un modo costruire quei favi di cella-incubazione---impalcature chiamate---in modo che anche se le celle occupano i compartimenti differenti nel favo, dividano le stesse circostanze, appena poichè avrebbero diviso le stesse circostanze se crescendo nell'organismo.

I Collaboratori sul documento includono i ricercatori da Oklahoma State University, Filiale Mediale dell'Università del Texas e Stillwater a Nomadics Inc. Kotov Basato a Oklahoma ha nomine nel biomedical, nella scienza dei materiali e negli instituti dell'ingegneria chimica.

La ricerca è così importante che il Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) ha costituito un fondo per un consorzio dei centri di ricerca affinchè $10 milioni coltivi il sistema immunitario in una bottiglia.

Gli Scienziati possono studiare il sistema immunitario artificiale per vedere come reagisce ai rischi biologici ed alle loro contromisure ed usano i dati per fare le contromisure più efficaci, hanno detto il Camminatore di Gennaio, portavoce di DARPA.

Il luogo di nascita di questo sistema immunitario artificiale è l'impalcatura tridimensionale di Kotov, che è compresa i cristalli colloidali invertiti, anche chiamato cristalli fotonici. Gli a cristallo Colloidali sono grate esagonale ordinate delle particelle sferiche altamente costanti che sono imballate insieme. Hanno una vasta gamma di diametri, dai nanometri ai micrometri ed a questa versatilità è critico per gestire il ciclo di vita delle celle e come cambiano (cioè differenziazione).

Il gruppo di Kotov non ha usato la robotica o le impostazioni complicate del computer per fare le impalcature. Invece, hanno usato il calore ed il gel per fare una muffa semplice.

In Primo Luogo, si sono infiltrati nel cristallo con il gel del solenoide. Quando il gel si è indurito nei canali fra le sfere, gli scienziati hanno riscaldato il cristallo per bruciare tutti ma le pareti lasciate dal gel indurito. Ciò che resta è una replica invertita, o una muffa, del cristallo.

Storicamente, gli scienziati hanno coltivato le celle in zolle o in piatti in cui si sviluppano nelle colonie bidimensionali. Ma perché le celle proliferano dimensionale tre nell'organismo, è critico che gli scienziati sviluppano un'impalcatura tridimensionale per le colture cellulari in modo dallo sviluppo delle cellule può imitare che cosa accade dentro noi. Ciò è particolarmente importante per differenziazione delle cellule staminali negli stirpi differenti delle celle immuni. L'impalcatura di cristallo colloidale invertita ha potuto stimolare la differenziazione delle cellule staminali umane da sangue degli adulti a T funzionale e dei Linfociti B. T ed i Linfociti B contribuiscono a mirare ed uccidere agli invasori non Xeros.

“L'uniformità dell'ambiente pregiudica il modo che le celle stanno sviluppando,„ Kotov ha detto. “Questo è particolarmente pertinente per le cellule staminali ed altre celle che possono differenziarsi. Queste impalcature offrono un controllo molto buon sopra l'ambiente.„

L'obiettivo finale del progetto DARPA sarà replica della funzione del midollo osseo e del timo umani. Oltre all'Università del Texas Medical Branch e Nomadics Inc., egualmente comprende la Harvard University, il Policlinico di Massachusetts, il Laboratorio Inc di Ricerca Scientifica ed il Centro del Cancro di Fred Hutchinson. Più Successivamente, il midollo osseo ed il timo artificiali saranno integrati con altri elementi del sistema immunitario umano che è diventato nel cavo del gruppo di multiuniversity da VaxDesign Inc. La capacità delle impalcature di cristallo colloidali invertite di gestire il trattamento di differenziazione delle celle egualmente apre le possibilità nel usando per il trattamento della leucemia ed altri moduli di cancro.

http://www.umich.edu