Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prevalenza di HBV occulto nei pazienti di emodialisi è 4 - 5 volte più superiore la prova standard di HBsAg suggerirebbe

Alcuni pazienti sottoposti a dialisi di dialisi renale contrattano il virus dell'epatite B (HBV) nel corso del loro trattamento, possibilmente da altri membri della popolazione di dialisi con HBV occulto. La gente con HBV occulto verifica la quantità negativa ad antigene della superficie di HBV (HBsAg) ma il positivo per HBV-DNA, che è individuato attraverso le prove sensibili eseguite non tipico sui pazienti sottoposti a dialisi.

Uno studio recente ha trovato che la prevalenza di HBV occulto nei pazienti di emodialisi adulti è quattro - cinque volte più superiore la prova standard di HBsAg suggerirebbe. Questi risultati sono pubblicati nell'emissione del novembre 2004 dell'epatologia.

L'epatologia, la Gazzetta ufficiale dell'associazione americana per lo studio sulle affezioni epatiche (AASLD), pubblicato da John Wiley & i Sons, Inc., è accessibile in linea via Wiley InterScience.

Gli studi precedenti che hanno cercato la prova di HBV occulto nei pazienti sottoposti a dialisi hanno trovato una vasta gamma di gradi di infezione - 0 - 50 per cento -- possibilmente dovuto le differenze nelle popolazioni di studio. In questo studio, i ricercatori, piombo dal Dott. Gerald Y. Minuk dell'università di Manitoba, hanno cercato di trovare la prevalenza di HBV occulto in una grande popolazione nordamericana dei pazienti sottoposti a dialisi adulti e di determinare se affatto demografici, biochimico e/o la funzionalità sierologica potrebbe contribuire ad identificare quelle infettata.

Fra maggio e settembre di 2003, i ricercatori hanno reclutato i pazienti di emodialisi in Winnipeg, Manitoba, un'area urbana nel Canada con una popolazione di circa 680.000. Hanno ricavato il sangue da ed hanno registrato i dati demografici per ciascuno del 241 partecipante. Poi hanno eseguito la biochimica del fegato, la sierologia di HBV e la prova di HBV-DNA da reazione a catena in tempo reale della polimerasi con due insiemi della mano di fondo dell'indipendente.

Soltanto due dei partecipanti hanno verificato il positivo a HBsAg, ma i nove pazienti supplementari sono stati trovati per avere HBV occulto, cioè, hanno verificato la quantità negativa a HBsAg ed il positivo a HBV-DNA.

“I risultati di questo studio indicano che in questa agglomerazione urbana nordamericana, la prevalenza di HBV occulto nei pazienti di emodialisi adulti è circa 4 - 5 volte più superiore la prova standard di HBsAg suggerirebbe,„ gli autori riferiscono. La maggior parte delle infezioni è stata associata con i caricamenti virali bassi e una prevalenza sorprendente alta dello sG145R-mutant.

Purtroppo, ma non inatteso, c'erano indicatori demografici, biochimici o sierologici non ovvi per quelli con HBV occulto. Per i nove pazienti con HBV occulto, l'età media era di 61,4 anni e 56 per cento erano maschii. Settantotto per cento erano caucasici e due erano verso sud-est asiatici. Tutti hanno avuti l'enzima del fegato ed analisi funzionali normali.

L'infezione da HBV occulta può essere trasmessa ad altre, secondo i dati disponibili che comprendono gli scimpanzè, infanti e la trasfusione e destinatari dell'organo. “Finché i dati non esistano indicando se la trasmissione nosocomiale di HBV occulto può accadere in pazienti sottoposti a dialisi e/o personale suscettibili, schermanti con alle le analisi basate a PCR sensibili di tutti i pazienti sottoposti a dialisi per HBV-DNA indipendentemente da demografico, i risultati biochimici o sierologici sembra prudenti,„ gli autori concludono.

Se lo stato occulto di HBV è conosciuto, la trasmissione fra i pazienti sottoposti a dialisi potrebbe essere limitata evitando la riutilizzazione del dialyzer e dedicando le stanze di dialisi, i commputer ed il personale per i pazienti infettati. Le vaccinazioni possono anche proteggere i pazienti sottoposti a dialisi dal contratto del HBV, tuttavia, l'accettazione della vaccinazione ed i tassi di risposta sono bassi in questa popolazione dei pazienti sottoposti a dialisi.