Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La comprensione dei segnali che ritardano la diffusione di linfoma follicolare potrebbe fornire i nuovi obiettivi terapeutici

Gli scienziati all'istituto nazionale contro il cancro (NCI), hanno creato un modello che predice la sopravvivenza dei pazienti follicolari di linfoma basati sulle caratteristiche molecolari dei loro tumori alla diagnosi.

Il modello è basato su due insiemi dei geni--impronte sopravvivenza-associate chiamate--di chi attività è stata trovata per essere associata con la buona o prognosi difficile per i pazienti con il cancro. I risultati degli scienziati, essere pubblicato nel 19 novembre 2004 New England Journal di medicina, indicano che le celle immuni che si infiltrano nei tumori follicolari di linfoma hanno un impatto importante sulla sopravvivenza--entrambe le impronte sono venuto da tali celle immuni.

La tariffa di linfoma follicolare, il linfoma non Hodgkin più comune di progressione, varia ampiamente. “In alcuni pazienti la malattia progredisce lentamente in molti anni, mentre in altri progressione è rapida, con il cancro che trasforma nel linfoma aggressivo e che piombo alla morte prematura,„ ricercatore spiegato Louis M. Staudt, M.D., Ph.D. di principio, del centro del NSC per ricerca sul cancro. “Capire le cause molecolari di tali differenze nella sopravvivenza potrebbe fornire un metodo più accurato per determinare il rischio paziente, che potrebbe essere usato per guidare il trattamento e può suggerire i nuovi approcci terapeutici.„

Per creare il loro modello, Staudt ed i soci hanno usato le biopsie follicolari di linfoma catturate da 191 paziente non trattato. Le biopsie sono state catturate fra 1974 e 2001 e sono venuto dalle istituzioni nordamericane ed europee che fa parte del progetto di delineamento molecolare NSC-patrocinato leucemia/di linfoma **. A seguito delle loro biopsie, tutti i pazienti hanno ricevuto i trattamenti standard. Gli scienziati di NSC hanno esaminato le loro cartelle sanitarie successive per determinare la sopravvivenza. Le biopsie sono state divise in due gruppi saldati per la sopravvivenza e l'istituzione: 95 sono entrato in gruppo usato per scoprire i reticoli di espressione genica connessi con la sopravvivenza; gli altri 95 sono stati usati per verificare la potenza premonitrice di questi reticoli.

Gli scienziati di NSC in primo luogo hanno usato una micro schiera del DNA per determinare quali geni sono stati espressi (attivo) in primo gruppo di 95 biopsie del tumore ed a che livelli. Poi hanno determinato quale di questi geni sono stati associati statisticamente con la sopravvivenza. Hanno chiamato quelli connessi con la sopravvivenza lunga “buoni geni di prognosi„ e quelli connessi con la breve sopravvivenza “poveri geni di prognosi.„

Dopo, i ricercatori hanno identificato i sottoinsiemi di entrambi i generi di geni che hanno teso ad essere espressi insieme. Questi hanno nominato “le impronte sopravvivenza-associate.„ Due impronte--uno che ha indicato la prognosi difficile, l'altro buon--ha avuto la forte sinergia e sopravvivenza insieme preveduta meglio di qualunque altro modello provato. Inatteso, entrambi sono venuto dalle celle immuni benigne che si infiltrano nei tumori. I buoni geni dell'impronta di prognosi riflettono una miscela delle celle immuni che è dominata dalle celle di T. Le celle di T reagiscono alle minacce specifiche contro la salubrità dell'organismo. Al contrario, i poveri geni dell'impronta di prognosi riflettono un gruppo differente di celle immuni dominate dai macrofagi e/o dalle celle dentritiche--quale reagiscono alle minacce non specifiche--piuttosto che le celle di T.

I due scienziati permessi di modello dell'impronta NSC per dividere i pazienti in quattro gruppi uguali con i tassi di sopravvivenza medii disparati di 3,9, 10,8, 11,1 e 13,6 anni. Per i 75 per cento dei pazienti con i tassi di sopravvivenza 10 anni o più lunghi, “l'attesa vigile è appropriata,„ Staudt ha detto. “Questi pazienti trarrebbero giovamento dal sapere che non possono avere bisogno del trattamento per un po 'di tempo. D'altra parte, quei pazienti nel gruppo con il tasso di sopravvivenza più basso dovrebbero essere considerati per i più nuovi trattamenti e test clinici,„ Staudt aggiunto.

Il fatto che le impronte più premonirici sono venuto dalle celle immuni suggerisce un'interazione importante fra il sistema immunitario ospite e le celle maligne nel linfoma follicolare. “Una possibilità è che le celle immuni con l'impronta di buon-prognosi stanno attaccando il linfoma e stanno tenendolo nell'assegno,„ Staudt ha speculato. “Un'altra possibilità è che queste celle immuni possono fornire i segnali che incoraggiano le cellule tumorali a non lasciare il linfonodo, impedente o ritardante la diffusione del cancro,„ lui hanno aggiunto. Conoscere più circa i segnali che possono ritardare la diffusione di linfoma follicolare potrebbe fornire i nuovi obiettivi terapeutici.