Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dissimulare diminuisce l'esposizione a radiazione ultravioletta cancerogena, secondo un esame sistematico di prova

L'istruzione dei bambini in scuola primaria ed in adulti alla spiaggia circa i vantaggi di indossare i cappelli e l'abbigliamento Sun-protettivi può efficacemente motivarle per dissimulare e diminuire la loro esposizione a radiazione ultravioletta cancerogena, secondo un esame sistematico di prova.

L'esame compare nel giornale americano di medicina preventiva.

Il cancro di interfaccia è il tipo più comune di cancro negli Stati Uniti. L'incidenza di un tipo - melanoma - è aumentare, dovuto in parte all'esposizione aumentata a radiazione ultravioletta dal sole.

Restando nella tonalità, tenendo dal sole e dal vestiario di protezione d'uso di mezzogiorno può diminuire l'esposizione ultravioletta e diminuire il rischio di cancri di interfaccia, secondo la forza convenzionale sui servizi preventivi della Comunità. Gli esami sistematici traggono alle le conclusioni basate a prova circa pratica medica dopo la considerazione delle entrambe il contenuto e la qualità degli studi medici attuali su un argomento.

La forza convenzionale, un gruppo indipendente e nonfederal, trovato là era prova concreta per l'efficacia d'istruzione adei bambini a come proteggersi dal sole.

“Virtualmente tutta la scuola primaria può essere un ambiente appropriato in cui effettuare i programmi di Sun-protezione,„ dice lo studio l'autore Mona Saraiya, M.D., M.P.H del cavo., del centri per il controllo e la prevenzione delle malattie a Atlanta.

Membri della forza convenzionale pettinati con 33 studi e approcci trovati che hanno tentato di cambiare il comportamento dei bambini nell'asilo attraverso l'ottavo grado (o i loro badante ed insegnanti). Questi hanno compreso una certa combinazione di conferenze, di video, di CD ROM interattivo, di parodie, di opuscoli, di manifesti e di materiale compresi nelle classi di scienza che hanno mosso i bambini verso i cappelli di usura, le camice o i pantaloni lunghi.

“I programmi educativi del cancro di interfaccia possono essere integrati nelle situazioni d'apprendimento attuali e polizza di sostegno ed interventi ambientali,„ Saraiya dice.

I bambini più in giovane età hanno migliorato che gli adolescenti.

Bambini a scuola primaria, la forza convenzionale dice, “è più ricettiva degli adolescenti a praticare i comportamenti auto-protettivi ed è più favorevole all'istruzione dagli adulti, compreso gli insegnanti ed i genitori.„

Altri studi hanno offerto la prova utile per la persuasione degli adulti dissimulare alle impostazioni ricreative e turistiche come le spiagge, gli zoo o le località di soggiorno. Gli interventi provati hanno variato da addestramento del bagnino e da materiali stampati al contrassegno d'avvertimento.

L'utilità dei programmi di ricreazione-area ha potuto essere limitata entro tempo disponibile del personale o dalle classi di nuoto strettamente prevedute, specula Saraiya. L'industria del turismo potrebbe anche essere ombrosa ai vacanzieri in primo luogo circa d'avvertimento a partire dalla loro ragione principale per le spiagge visualizzanti o le stazioni sciistiche, dice la forza convenzionale, ma quella potrebbe essere compensata tramite un apprezzamento che l'industria stava mostrando a preoccupazione per la salubrità dei sui patroni. La promozione della sicurezza del sole ha potuto anche incoraggiare gli ospiti acquietando i timori di sovresposizione.

La forza convenzionale ha trovato la prova insufficiente per raccomandare gli approcci per riduzione ultravioletta dell'esposizione dei centri di puericultura, scuole secondarie ed istituti universitari, posti di lavoro o impostazioni di sanità.