Nuovi metodi di diagnosi (CAD) assistita dall'elaboratore per cancro

Non tutte le masse sono cancro. Quando una persona subisce una scansione per identificare un massello o un nodulo, il radiologo esamina la tessitura, i confini e la forma per determinare se è maligno o appena una crescita benigna.

I ricercatori al centro completo del Cancro dell'università del Michigan stanno mettendo a punto i metodi di diagnosi (CAD) assistita dall'elaboratore per rendere quella valutazione più facile. Un programma informatico legge le stesse scansioni che il radiologo osserva ed il giudizio combinato delle guide del radiologo e del computer individua più cancri, i ricercatori trovati.

“Il nostro sistema è destinato per aiutare il radiologo. Dalle nostre esperienze di valutazione del cad per cancro al seno, facendo uso degli aiuti di computer migliora significativamente la prestazione del radiologo nelle malignità di predizione delle masse. I radiologi con i computer possono individuare più cancri che i radiologi da soli. Prevediamo che il cad per il cancro polmonare possa raggiungere risultati simili,„ diciamo Lubomir Hadjiyski, Ph.D., assistente universitario della ricerca della radiologia alla facoltà di medicina di U-M. Hadjiyski presenterà i risultati studio del domenica 28 novembre, alla società radiologica della riunione annuale dell'America settentrionale in Chicago.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato 41 scansione di CT che hanno mostrato i noduli nei polmoni. Le scansioni correnti e le scansioni precedenti sono state alimentate con un programma informatico destinato specialmente dai ricercatori di U-M per valutare la dimensione, la tessitura, densità e per cambiare col passare del tempo dei noduli. Sulla base di quelle informazioni, il computer determina quanto probabilmente il nodulo è cancerogeno.

I tentativi precedenti di diagnosi assistita dall'elaboratore fanno analizzare il computer soltanto la scansione corrente. Permettendo che il computer legga e confronti una serie di scansioni, ottiene una maschera completa e che ha le stesse informazioni il radiologo ha.

Un sistema di cad è destinato per fornire una seconda opinione ai radiologi. Il computer analizza le immagini con le tecniche di computervisione progettate specialmente per un tipo dato di cancro o di malattia. Allo stesso tempo, il radiologo esamina le immagini e valuta la probabilità di cancro. Il radiologo poi confronta i due risultati e prende una decisione finale.

In molti casi, il computer ed il radiologo hanno potuto giungere alla stessa conclusione. In altri casi, sebbene, il computer possa determinare un a tariffa ridotta di malignità per un paziente in cui il radiologo è sulla rete fissa. Ciò ha potuto fare pendere la bilancia contro l'esecuzione della biopsia. E se c'è una grande differenza fra il giudizio del radiologo ed il computer, il paziente può richiedersi indietro un secondo sguardo.

“Il radiologo non è perfetto ed il computer non è perfetto, ma lavorando insieme individuano più cancri,„ dice che Hadjiyski dice.

Hadjiyski ed il suo gruppo hanno sviluppato un simile programma per individuare il cancro al seno e l'iniziale che prova là sta promettendo. Il programma informatico per sia il polmone che il cancro al seno ha bisogno dell'approvazione di FDA prima che possa essere offerto clinicamente. Hadjiyski sollecita che i computer non sostituiranno mai il radiologo interamente ma che la tecnologia è destinata per complementare il giudizio del radiologo.

L'un difetto con il sistema assistito dall'elaboratore è può restituire i risultati del falso positivo, identificanti le masse poichè cancerogeno quando sono benigne. Note di Hadjiyski, sebbene, che globale il sistema individua più cancri. Mentre i ricercatori regolano la tecnologia, sperano di vedere meno falsi positivi e possono realmente aiutare i radiologi ad identificare le lesioni benigne ed a diminuire il numero della gente che subisce le biopsie. I ricercatori sperano accanto a mettono a punto un sistema che sia individuerà una lesione che la identificherà come maligna o benigna.

Oltre a Hadjiyski, i ricercatori erano Berkman Sahiner, il Ph.D., professore associato della radiologia; Heang-Ping Chan, Ph.D., professore di radiologia; Naama Bogot, M.D., conferenziere clinico in radiologia; Cascata di Philip, M.D., professore di cardiologia e di radiologia; e Ella Kazerooni, M.D., professore di radiologia.