Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini con ADHD hanno vie anormali della fibra nella corteccia frontale

I bambini con disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD) video le anomalie anatomiche del cervello oltre lo squilibrio chimico, secondo la ricerca presentata alla riunione annuale della società radiologica dell'America settentrionale (RSNA).

I farmaci dello stimolante prescritti per saldare la chimica del cervello sembrano normalizzare alcune di queste irregolarità del cervello, un secondo studio ha riferito.

“Abbiamo trovato l'anomalia delle vie della fibra nella corteccia frontale, gangli basali, tronco encefalico e cervelletto,„ ha detto l'autore principale di entrambi gli studi, di Manzar Ashtari, del PhD., del professore associato della radiologia e della psichiatria al sistema ebreo di salubrità dell'isola Lunga riva del nord in nuovo Hyde Park, N.Y.

“Questi settori sono interessati nei trattamenti che regolamentano l'attenzione, il comportamento impulsivo, l'attività motoria e l'inibizione--i sintomi chiave nei bambini di ADHD,„ il Dott. Ashtari ha detto. “Egualmente sono conosciuti per fa parte di più grande circuito nel cervello che stabilisce la comunicazione fra il lobo frontale ed il cervelletto.„

Secondo l'istituto della salute mentale nazionale (NIMH), ADHD pregiudica 3 - 5 per cento dei bambini negli Stati Uniti. I bambini con ADHD incontrano difficoltà gestire il loro comportamento o concentrare la loro attenzione.

Facendo uso della rappresentazione del tensore della diffusione (DTI) per paragonare 18 bambini a ADHD diagnosticato con 15 bambini di controllo per valutare lo sviluppo della fibra della bianco-materia del cervello, il gruppo del Dott. Ashtari ha trovato le differenze nelle vie della fibra del cervello che trasmettono e ricevono le informazioni fra le aree del cervello.

“ADHD è descritto tipicamente come squilibrio chimico, ma la nostra ricerca ha indicato che ci possono anche essere differenze anatomiche sottili nelle aree del cervello che sono importanti in questo disordine,„ hanno detto il ricercatore co-principale Sanjiv Kumra, M.D., uno psichiatra all'ospedale nelle querce della valletta, N.Y. di Zucker Hillside.

Nel secondo studio, i ricercatori hanno trovato che i bambini che avevano ricevuto il trattamento dello stimolante per ADHD hanno avuti meno anomalie della materia bianca che i bambini che non hanno ricevuto il farmaco.

I pazienti hanno consistito di due gruppi, ciascuno formato da 10 bambini con ADHD. Il primo gruppo non aveva catturato il farmaco o come minimo era stato esposto ai farmaci. Il secondo gruppo è stato esposto agli stimolanti per una media di 2,5 anni. Ciascuno di questi gruppi è stato paragonato ai comandi genere-abbinato dell'età 10 e. I bambini medicati di ADHD hanno esibito un effetto di normalizzazione nelle vie della fibra di parecchie aree del cervello.

“I risultati da questo piccolo, studio rappresentativo indicano che l'effetto terapeutico degli stimolanti può comprendere un trattamento di normalizzazione del cervello,„ il Dott. Kumra hanno detto.

La maggior parte della gente diagnosticata con ADHD nell'infanzia continua ad avere problemi nell'adolescenza e nell'età adulta. “Malgrado progresso nella valutazione, diagnosi e trattamento di ADHD, questo disordine ed il suo trattamento sono rimanere discutibili,„ ha detto il co-author dello studio dello stimolante, Andrew Adesman, M.D. “questo studio è prova ancora ulteriore che i bambini con ADHD differiscono ad un livello neurobiologico rispetto ai bambini senza il disordine.„ Il Dott. Adesman è capo della pediatria inerente allo sviluppo e comportamentistica all'ospedale pediatrico di Schneider in nuovo Hyde Park, N.Y.

Il Dott. Ashtari ha detto che ulteriori studi con i più grandi gruppi pazienti devono essere intrapresi prima dell'offerta a genitori del consiglio per la diagnosi o il trattamento.

I co-author sono Babak Ardekani, Ph.D., Shree Bhaskar, M.D., Tana Clarke, B.S. e Joseph Rhinewine, M.A. (studio di DTI soltanto). La ricerca è stata patrocinata da una concessione di NIMH.