Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Botox diminuisce il dolore e gli spasmi durante la ricostruzione del petto dopo la mastetomia

Botox, conosciuto per la diminuzione delle grinze, anche può essere usato per diminuire il dolore e gli spasmi durante la ricostruzione del petto dopo la mastetomia, secondo i risultati di un'università recente di Arkansas per le scienze mediche (UAMS) studiano.

Lo studio, presentato recentemente al forum chirurgico di plastica della società americana dei chirurghi plastici in Filadelfia, trovata che donne iniettate con Botox dopo che la rimozione chirurgica dei loro petti ha avuta meno dolore e più breve ospedale resta durante la ricostruzione con gli estensori del tessuto.

Gli estensori del tessuto sono innesti temporanei collocati sotto il muscolo del torace e gonfiati lentamente durante parecchie settimane per allungare il tessuto in preparazione degli innesti permanenti.

“Il processo di ricostruzione può essere doloroso per alcune donne e siamo felici di trovare un modo facilitare quel dolore,„ ha detto Julio Hochberg, M.D., professore di chirurgia nella divisione di chirurgia plastica nell'istituto universitario di UAMS di medicina, co-author di studio.

Hochberg ed il co-author V. Suzanne Klimberg, M.D., professore di chirurgia e di patologia e capo della divisione dell'oncologia chirurgica del petto nell'istituto universitario di UAMS di medicina, hanno intrapreso gli studi fra luglio 2001 e febbraio 2004. Klimberg è egualmente Direttore del programma del cancro al seno al centro di ricerca sul cancro dell'Arkansas di UAMS.

Lo studio ha incluso 56 pazienti che hanno subito la mastetomia con gli estensori del tessuto seguiti dal collocamento dell'innesto -- 30 con Botox e 26 senza. I due gruppi erano comparabili nell'età, nella dimensione di tumore e nella dimensione dell'estensore.

Hochberg ha trovato che pazienti che ha ricevuto le iniezioni di Botox ha utilizzato 89 per cento meno morfina nelle prime 24 ore dopo chirurgia, ha fatto le loro degenze in ospedale diminuire entro l'un giorno ed ha usato meno morfina complessiva che il gruppo senza Botox.

Lo studio ha ricavato le indagini dai chirurghi e dalle pubblicazioni mediche attraverso il paese. Oltre alla scelta presentare al forum in Filadelfia, lo studio era uno di soltanto cinque dei 300 presentati là che è stato scelto per la promozione dal forum. È stato pubblicato nell'emissione di ottobre degli annali mensili di chirurgia, un giornale a tasso di consultazione elevato della chirurgia, dopo che un trattamento lungo mesi della revisione tra pari.

Altri co-author di UAMS dello studio sono Rakshanda Layeeque, M.D., Ronda Henry-Tillman, M.D., professore associato di chirurgia; Risonanza Westbrook, M.D., professore di chirurgia e capo della divisione di oncologia chirurgica; James C. Yuen, M.D., professore associato di chirurgia; e Kelly M. Kunkel, R.N.

UAMS è il solo centro sanitario accademico completo dello stato, con cinque istituti universitari, una scuola post-laurea, un centro medico, cinque centri di eccellenza e una rete in tutto lo stato dei centri regionali. UAMS ha circa 2.170 studenti e 650 residenti ed è il più grande datore di lavoro pubblico dello stato con quasi 9.000 impiegati. UAMS e le sue filiali hanno un impatto economico nell'Arkansas di circa $3,8 miliardo all'anno.

I centri di eccellenza di UAMS sono istituto il centro di ricerca sul cancro dell'Arkansas, il Harvey e dell'occhio di Bernice Jones, Donald W. Reynolds Center su invecchiamento, istituto di mieloma per la ricerca e terapia e Jackson T. Stephens Spine ed istituto delle neuroscienze.