Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

65 per cento dei bambini hanno avuti un tambuccio immaginario

L'immaginazione è viva e prospera nelle menti dei bambini in età scolare dell'America. È così prevalente che 65 per cento dei bambini riferiscono che, dall'età di 7, hanno avuti un tambuccio immaginario ad un certo punto nelle loro vite, secondo un nuovo studio dall'università di Washington e dall'università di psicologi dell'Oregon.

La ricerca egualmente indica che quello avere un tambuccio immaginario è almeno comune fra i bambini in età scolare come è fra i bambini in età prescolare. Trentuno per cento dei giovanotti scolari stava giocando con un tambuccio immaginario quando sono stati interrogati riguardo a tale attività, rispetto a 28 per cento dei bambini in età prescolare.

“Questo che trova è affascinante in quanto va contro tante teorie dell'infanzia media, come quelle proposta da Sigmund Freud e da Jean Piaget. Avere un tambuccio immaginario è normale per i bambini in età scolare,„ ha detto Stephanie Carlson, un professore di aiuto della psicologia di UW.

Marjorie Taylor, un professore della psicologia all'università di Oregon e Carlson è gli autori principali dello studio pubblicato nella questione attuale della psicologia dell'età evolutiva del giornale.

Avere un tambuccio immaginario sembra essere un trattamento in corso e cambiante perché un bambino necessariamente non gioca con lo stesso tambuccio immaginario in tutto l'infanzia. Carlson ha detto alcuni bambini riferiti avendo tambucci immaginari multipli e seriali. Il numero dei tambucci immaginari descritti dai bambini ha variato da uno a 13 entità differenti.

“È piuttosto di una porta girevole. I bambini sono agili nel fornire questi tambucci immaginari ed a volte abbiamo una difficoltà continuare con tutte che un bambino abbia,„ ha detto.

I ricercatori originalmente hanno reclutato 152 bambini in età prescolare, le età 3 e 4 ed i loro genitori parecchi anni fa. Ogni bambino ed i genitori sono stati intervistati esclusivamente circa i tambucci immaginari. I ricercatori egualmente hanno raccolto i dati sull'abilità verbale dei bambini ed hanno dato loro una serie di mansioni standardizzate valutare lo sviluppo, o che psicologi chiamano la teoria della mente. Tre anni più successivamente, 100 di quei bambini (50 ragazze e 50 ragazzi) ed i loro genitori si sono offerti volontariamente per lo studio recentemente pubblicato. I bambini ed i loro genitori sono stati intervistati ancora esclusivamente circa i tambucci immaginari. I genitori egualmente hanno compilato un questionario circa la personalità del loro bambino ed i bambini hanno catturato ad una serie di mansioni standardizzate quella comprensione sociale misurata.

I bambini sono stati considerati di avere tambucci immaginari se dicessero che hanno avuti uno e se una descrizione di. Se il tambuccio fosse una bambola o un animale farcito, i bambini anche hanno dovuto comprendere i dettagli psicologici (come “è piacevole me„) affinchè siano considerati un amico immaginario.

I tambucci immaginari descritti dai bambini sono venuto in una varietà fantastica di apparenze, compresi i ragazzi e ragazze invisibili, uno scoiattolo, una pantera, un cane, un elefante sette-pollice-alto e una bambola “di 100 anni„ di Joe di GI. Mentre 52 per cento dei tambucci immaginari cui i bambini in età prescolare giocati con sono stati basati sui puntelli quali i giocattoli speciali, 67 per cento di quelli creati dai bambini in età scolare erano invisibili, secondo Carlson.

Lo studio egualmente ha mostrato quello:

  • Mentre le ragazze prescolari erano più probabili avere un tambuccio immaginario, dai ragazzi dell'età 7 erano altrettanto probabile quanto le ragazze avere uno.

  • 27 per cento dei bambini hanno descritto un amico immaginario che i loro genitori non hanno conosciuto circa.

  • 57 per cento dei tambucci immaginari dei giovanotti scolari erano esseri umani e 41 per cento era animali. Un tambuccio era un essere umano capace della trasformazione in tutto l'animale che il bambino ha voluto.

  • Non tutti i tambucci immaginari sono amichevoli. Un numero era abbastanza incontrollabile ed alcuni erano un fastidio.

I ricercatori egualmente erano curiosi sapere perché i bambini smettono di giocare con gli amici immaginari. “I tambucci immaginari sono curati dai bambini molto come quando perdono l'interesse in giocattoli o in altre attività,„ hanno detto Carlson. “In molti casi vanno semplicemente via, o i bambini non si ricordano. Altri bambini di periodi sostituiscono un tambuccio immaginario anziano con un nuovo, o accendono alle amicizie con i capretti reali soddisfare alcune delle stesse esigenze.„

I ricercatori egualmente hanno esaminato la personificazione di infanzia - fingendo di essere un carattere immaginario - e trovarlo per essere quasi universali. Virtualmente tutti i bambini in età prescolare hanno finto di essere un animale o un'altra persona e 95 per cento dei bambini in età scolare impegnati nella personificazione. I ricercatori non hanno esaminato la personificazione in dettaglio stesso come hanno fatto i tambucci immaginari e sono stati sorpresi che tanti bambini in età scolare hanno continuato a impegnarsi nell'attività. Una individuazione allettante era che i bambini in età scolare che hanno fatto poca o nessuna personificazione hanno segnato il minimo su comprensione emozionale dell'altra gente, secondo Carlson.

Ha detto che fantasia - interagendo con gli amici immaginari e la personificazione - giochi un ruolo nello sviluppo di bambino, sia conoscitivo che emozionalmente. Questo genere di attività permette che i bambini gestiscano le situazioni sociali in un contesto sicuro, come pratica come trattare il conflitto con qualcosa che possa o non possa parlare di nuovo loro. Le aiuta conoscitivo per occuparsi dei simboli astratti e del pensiero, che piombo loro a pensiero astratto circa la loro propria identità.

“I tambucci immaginari hanno avuti a lungo un cattivo colpo secco dagli psicologi e c'era la percezione che i genitori stavano ottenendo il messaggio che avere un tambuccio immaginario non era sano,„ lei hanno detto. “Ma questo studio indica che quasi due terzi dei bambini li hanno ed il fatto notevole è che i bambini di tutti gli stili di personalità hanno tambucci immaginari.„

L'università di Oregon ha costituito un fondo per la ricerca. I co-author dello studio sono precedente università di studenti Bayta Maring dell'Oregon, Lynn Gerow e Carolyn Charley.