Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Misurare il rischio da bassa radiazione prolungata

Ognuno sa che le dosi elevate di radiazione sono pericolose, ma gli effetti dell'esposizione a lungo termine a bassa radiazione è capiti male. RISC-RAD, una nuova Unione Europea ha appoggiato il progetto di ricerca, cerca di identificare la nostra soglia di tolleranza in modo da ottimizzare i provvedimenti cautelari.

La radiazione ionizzante - radiazione emanata dai materiali radioattivi - ha un bit del Dott. Jekyll e del sig. Hyde a questo proposito. In ospedali, per esempio, in è usato per trattare il cancro. Ma l'esposizione prolungata alle dosi basse può indurre la malattia mortale a formarsi. Per questo motivo, le misure di sicurezza per l'esposizione a tale radiazione sono estremamente rigorose.

“Gli standard di protezione dalle radiazioni sono fissati per limitare gli importi di radiazione a cui i lavoratori e la popolazione in genere sono esposti per proteggerli dagli effetti nocivi di radiazione,„ spiega Laure Sabatier, capo del dipartimento di radiobiologia e dell'oncologia al l'Energie Atomique (CEA) del à del commissariato della Francia.

“Questi standard sono basati sull'estrapolazione alle dosi basse degli effetti osservati ai livelli elevati dell'esposizione ed in modo da non sono in se stessi hanno correlato con i rischi per la salute misurabili.„

Gli effetti delle dosi elevate molto attentamente sono stati studiati e sono ben noti. Tuttavia, l'impatto a lungo termine dell'esposizione prolungata alle dosi basse è stato arguito soltanto. Ma tali estrapolazioni statistiche sono “discutibili„ perché suppongono che la radiazione si comporterà proporzionalmente lo stessi a tutte le concentrazioni. “Che cosa abbiamo bisogno di sono i nuovi approcci biologici per la valutazione del rischio più sana,„ note di Sabatier.

Inoltre, i preventivi di rischio sono basati in gran parte su una persona statisticamente “media„ in una popolazione esposta. “Ma le osservazioni cliniche degli effetti collaterali negativi alla radioterapia evidenziano le grandi differenze fra le persone,„ lei precisa.

Era a tal fine che dal il progetto sostenuto da UE quadriennale di RISC-RAD (radiosensibilità delle persone e della predisposizione a Cancro incitato tramite le radiazioni ionizzanti) è stato lanciato all'inizio di quest'anno. Con €10 milione in finanziamento di UE, il progetto aprente la strada riunisce 29 gruppi di ricerca da 11 paese europeo. Ha unito le forze per sviluppare una comprensione accurata degli effetti a lungo termine di radiazione ionizzante della basso dose e come causa il cancro.

Il progetto traccerà i vari punti nell'evoluzione a più stadi di DNA-danno indotto da radiazioni e dei tumori successivi. “Capendo i meccanismi che aumentano il rischio di cancro che 30 anni più successivamente è una sfida importante,„ osserva Sabatier, che coordina RISC-RAD.

RISC-RAD mira infine ad aprire la strada alla regolazione delle norme di sicurezza e delle procedure realistiche che riflettono i rischi reali in questione.