Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I supplementi della vitamina E possono diminuire il rischio per la morte dalla sclerosi laterale amiotrofica (ALS)

I ricercatori dal banco di Harvard della salute pubblica e dell'associazione del cancro americana hanno trovato che l'uso regolare dei supplementi della vitamina E può diminuire il rischio per la morte dalla sclerosi laterale amiotrofica (ALS) anche conosciuta come Lou Gehrig's Disease.

Il ALS, una malattia rara, è il progressivo che spreca via dei motoneuroni, delle cellule nervose specifiche del cervello e della colonna vertebrale. I motoneuroni gestiscono i muscoli volontari, che sono i muscoli che permettono il movimento. Col passare del tempo camminando, parlando, mangiando, respirando ed inghiottendo diventato sempre più difficile. Non c'è maturazione conosciuta per ALS.

I ricercatori hanno tenuto la carreggiata quasi un milione di genti che si è iscritta nel 1982 allo studio II della prevenzione del cancro dell'associazione del cancro americana, ha fatta il loro uso della vitamina valutare a quel tempo ed era sopra l'età di trenta. Durante i 10 anni la portata dei partecipanti di studio 525 è morto di ALS. I ricercatori hanno trovato che quei partecipanti che hanno catturato vitamina E completa per almeno 10 anni hanno diminuito il loro rischio di morte dal ALS da più della metà (62 per cento) confrontata a quei partecipanti allo studio che non ha usato regolarmente i supplementi della vitamina E. Egualmente hanno trovato che l'uso regolare di altri supplementi della vitamina, quali vitamina C o multivitaminici, senza usando la vitamina E, non è stato collegato a diminuire il rischio di mortalità di ALS. La vitamina E, conosciuta come un antiossidante, è sembrato diminuire il danno delle cellule causato dallo sforzo ossidativo che è collegato a ALS.

I partecipanti allo studio che ha usato regolarmente la vitamina E completa egualmente era meno probabile fumare le sigarette, esercitate di più, consumate più multivitaminici ed altri supplementi della vitamina, ha mangiato più frutta e verdure e cereali della alto-fibra che quelle nello studio che non ha fatto, comunque questo non ha spiegato il vantaggio della vitamina E.

“In vitamina precedente E di studi non ha migliorato la sopravvivenza dei pazienti di ALS, i nostri risultati suggeriscono che l'uso regolare dei supplementi della vitamina E in persone in buona salute possa svolgere un ruolo nella diminuzione dell'incidenza di nuovi casi di ALS,„ hanno detto Alberto Ascherio, autore principale dello studio e un professore associato di nutrizione e dell'epidemiologia al banco di Harvard della salute pubblica. “Mentre questi risultati supportano un vantaggio nella prevenzione di ALS dalla cattura dei supplementi della vitamina E su un lungo periodo di tempo, non sono sufficienti per supportare le raccomandazioni circa uso di questa vitamina. La più ricerca deve essere effettuata per confermare questo che trova e per esplorare i sinergismi possibili fra la vitamina E ed altra supplementi. Ulteriormente, le decisioni circa uso delle vitamine dovrebbero essere basate sui loro effetti sulla salute globali, non solo sugli effetti sul rischio di ALS„.

Il finanziamento per lo studio è stato fornito da una concessione dagli istituti della sanità nazionali.