Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il corso delle iniezioni nell'infanzia ha potuto contribuire a proteggere più successivamente la gente dalla malattia di cuore nella vita

Un corso delle iniezioni nell'infanzia ha potuto contribuire a proteggere più successivamente la gente dalla malattia di cuore nella vita. E per quelli di cui le arterie già sono ostruite, una dose degli anticorpi potrebbe fornire i vantaggi immediati. Quella è la visione attirante allevata degli studi sugli animali.

“È un'idea estremamente attraente,„ dice l'esperto Andrew Newby nel cuore all'infermeria reale di Bristol nel Regno Unito, che ha presieduto la settimana scorsa una sessione della riunione vascolare europea della rete di genomica a Cambridge dove la ricerca vaccino è stata presentata. “In linea di principio sarebbe un trattamento relativamente a breve termine, ma fornisce la protezione di vita,„ dice.

La coronaropatia è la causa della morte principale del mondo, reclamante annualmente più di 7 milione vittime. I fattori genetici fanno una parte, ma le scelte di stile di vita quali il fumo e una dieta ad alta percentuale di grassi sono egualmente importanti. La maggior parte dei attacchi di cuore sono causati dai coaguli di sangue nelle arterie del cuore che tagliano l'offerta di sangue ai muscoli dell'organo.

Il grilletto è spesso la rottura delle placche grasse che allineano le arterie del cuore, che rilascia che Göran Hansson all'istituto di Karolinska a Stoccolma, la Svezia, descrive come “gruel pericoloso„ dei fosfolipidi e delle proteine che attaccano alle piastrine, causante un grumo.

Molti gruppi mondiali stanno lavorando ai modi impedire la formazione di queste placche, o all'aterosclerosi. Il trattamento comprende un'interazione complessa fra il sistema immunitario e la lipoproteina a bassa densità (LDL), che porta il colesterolo nel sangue.

Circa 10 anni fa, gennaio Nilsson all'università di Lund in Svezia ha provato a provocare questa risposta immunitaria dando LDL ossidato ai mouse. LDL ossidato è il modulo principale della proteina trovata in placche, in modo da Nilsson preveduto di vedere più aterosclerosi. Ma era sbagliato. “Con la nostra sorpresa i mouse erano protetti,„ dice.

Ciò lo ha iniziato a pensare che i pazienti potrebbero essere vaccinati contro aterosclerosi, un'idea che il suo gruppo ed il gruppo di Hansson stanno lavorando indipendente sopra. Entrambi i gruppi stanno usando i frammenti del modulo ossidato di LDL per innescare il sistema immunitario per attaccare le placche quando in primo luogo cominciano a formarsi.

Per verificare l'idea, stanno iniettando i gruppi di mouse con i frammenti di LDL o un controllo salino. I mouse dati la vaccinazione di LDL mostrano tanto come riduzione di 70 per cento del numero delle placche e le placche attuali sono sembrato smettere di crescere, Nilsson e Hansson riferiti alla riunione di Cambridge. Non c'erano segni di tutti i cattivi effetti.

Nilsson è andato più avanti esplorando se iniettare gli anticorpi ai frammenti di LDL, piuttosto che aspettando l'organismo per produrrli dopo la vaccinazione, egualmente funziona. Gli esperimenti iniziali in mouse suggeriscono che siano quasi efficaci a breve termine quanto la vaccinazione.

Per sviluppare l'idea più ulteriormente, Nilsson ha collaborato con la società svedese Bioinvent. Le prove di iniziale di speranza di Hansson e di Nilsson sui volontari umani hanno potuto cominciare in due anni. Ma nessuno eppure capisce i meccanismi coinvolgere, o se l'approccio funzionerà in esseri umani.