Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il tasso alto di inabilità in bambini estremamente prematuri, nuovi risultati della ricerca rivela

I risultati di seguito di uno studio importante sui bambini sopportati estremamente prematuramente hanno rivelato che un numero alto di questi bambini ha un'inabilità, sebbene i livelli di severità variassero ampiamente.

Lo studio del buongustaio, facente partecipare i academics all'università di Nottingham, è il primo nel Regno Unito per seguire un gruppo di bambini sopportati estremamente prematuramente all'età di 25 o meno settimane nella gestazione nel 1995 e per valutarli a 2 e 1/2 e sei anni.

La valutazione due e un metà anna, pubblicata nel 2000, indicata che dei 302 bambini sopravviventi disponibili per seguito, 50 per cento non hanno avuti inabilità, 25 per cento ha avuta certo livello di inabilità e 25 per cento hanno avuti inabilità severa.

Questo nuovo elemento del buongustaio ha seguito 241 dei bambini sopravviventi all'età scolare giovane e li ha valutati ad un'età media di sei anni e di quattro mesi. Medico molto dettagliato ed i test psicologici hanno avuto luogo e in pieno il termine sopportato 160 compagni di classe ha servito da gruppo di confronto piuttosto che facendo uso dei comandi standardizzati, che sono basati sui bambini valutati negli anni 70.

I risultati, essendo pubblicando oggi in New England Journal di medicina, hanno indicato che c'era un tasso alto di inabilità in questo gruppo di bambini. In particolare, la difficoltà di apprendimento ha potuto essere individuata più esattamente di alla valutazione più iniziale. I risultati hanno indicato che 20 per cento dei bambini non hanno avuti problemi, mentre 22 per cento hanno avuti inabilità severa quali paralisi cerebrale severa (bambini che non camminano), i punteggi conoscitivi molto bassi, la cecità o la sordità profonda. La percentuale di bambini con paralisi cerebrale con l'inabilità severa o moderata del motore era 12 per cento e 24 per cento hanno avuti inabilità moderata come paralisi cerebrale (ma camminata), punteggi di IQ/cognitive nello speciale hanno bisogno dell'intervallo, di pochi gradi di rappresentazione o dell'indebolimento dell'udito. Appena al disopra un terzo (34 per cento) ha avuto problemi più delicati quali i vetri d'uso, uno strabismo o punteggi conoscitivi bassi/normali.

Lo studio egualmente ha indicato che i ragazzi hanno avuti un maggior rischio di inabilità severa ed i punteggi più bassi per il cervello conoscitivo funzionano che le ragazze, supportanti il concetto che il sesso maschile è un fattore di rischio biologico importante in infanti estremamente prematuri.

Neil Marlow, professore di medicina neonatale nel banco dell'università dello sviluppo umano ed in autore unito del documento, ha detto: “La resistenza di questo studio è la sua unicità e la sua totalità permettendoci di sposare su tutti i dati dalla nascita all'infanzia.

“Questi risultati indicano che la maggior parte dei bambini non ha un'inabilità fisica seria, IE non hanno paralisi cerebrale, cecità o la sordità e malgrado l'alta incidenza delle difficoltà di apprendimento, metà sta facendo abbastanza bene e sta continuando con i loro compagni di classe.„

I risultati indicano che molti bambini estremamente prematuri e le loro famiglie richiedono il supporto psicologico ed educativo in tutto l'infanzia. Ciò più ulteriormente informerà il dibattito sul migliore trattamento dei bambini sopportati ai limiti di attuabilità, che corrente sta avendo luogo nella maggior parte dei paesi occidentali.

La BEATITUDINE, la carità del bambino prematuro, in collaborazione con le fondamenta di sanità, era un finanziatore importante dello studio. Rob Williams, amministratore delegato di BEATITUDINE, ha detto: “Questo è uno studio importante, i risultati di cui forniranno le certe indicazioni quanto al risultato possibile per questo piccolo gruppo di bambini. Possono pregiudicare bene le decisioni difficili che devono essere prese sul trattamento continuo. È vitale essere informato dei risultati potenziali di terapia intensiva neonatale su questi bambini molto piccoli e vulnerabili, che è perché la BEATITUDINE è stata un finanziatore importante del buongustaio. Tuttavia, i bambini sopportati a questa età giovane della gestazione rappresentano una percentuale molto piccola di 40.000 bambini sopportati prematuramente ed il fatto che sono sopravvissuto a affatto è in relazione con la conoscenza migliore e la dedica continua del gruppo e dei genitori neonatali.„