Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori hanno fatto il nuovo indicatore luminoso sullo sviluppo dei cancri, specialmente del petto e del carcinoma della prostata

I Ricercatori alla Facoltà di Medicina ed all'Ospedale Marroni del Rhode Island hanno fatto il nuovo indicatore luminoso sull'attivazione di un tasto della proteina allo sviluppo dei cancri, specialmente petto e carcinoma della prostata, i cancri il più comunemente diagnosticati negli Stati Uniti.

Il gruppo dei biologi delle cellule ha scoperto una nuova modifica chimica che attiva STAT3. Questa cosiddetta proteina di segnalazione è importante per crescita e sviluppo embrionale, le celle d'aiuto si sviluppano, duplicano e migrano. Nell'età adulta, STAT3 presumibilmente cade dormiente, ma la sua attivazione inattesa e continua induce le celle della prostata e del petto a svilupparsi e muoversi attraverso l'organismo.

Eugene Chin, M.D., un ricercatore dell'Ospedale del Rhode Island e assistente universitario (ricerca) di chirurgia alla Facoltà di Medicina Marrone, ha detto il sospetto degli esperti che i fattori ambientali, quali i ricchi di una dieta in grasso animale ed ormoni, possono attivare STAT3.

Come la proteina è accesa dentro le celle è stato l'argomento di ferocemente non Xerox ricerca durante l'ultima decade. Un grilletto conosciuto è fosforilazione, che modifica alcuni degli amminoacidi della serina e della tirosina che compongono la proteina STAT3. Chin ed il suo gruppo hanno trovato un secondo grilletto: acetilazione, un altro trattamento chimico che modifica gli amminoacidi, quale lisina. Chin ha detto che questo trovare potrebbe spiegare perché le droghe che bloccano soltanto la fosforilazione STAT3 non possono completamente fermare le cellule tumorali dalla coltura e dall'invasione delle altre parti del corpo.

“Sia le modifiche di acetilazione di fosforilazione che della lisina della tirosina sono eventi importanti affinchè STAT3 stimolino la crescita della cellula tumorale e metastasi,„ Chin ha detto. “Ecco perché l'individuazione è così emozionante. Ora che conosciamo più circa l'attivazione STAT3, possiamo creare le migliori droghe.„

I Loro risultati sono pubblicati nella questione attuale di Scienza.

Yuan di Paul, un collega post-dottorato nel laboratorio dell'Ospedale del Rhode Island di Chin e l'autore principale del documento, scrupoloso mutato 47 amminoacidi della lisina ed esaminato ciascuno in celle coltivate per vedere se attivasse STAT3. Facendo Uso di questo metodo, l'Yuan poteva isolare il colpevole: Lys685, uno dell'altrettanto come 780 amminoacidi che sono messi insieme insieme per fare la proteina.

L'Yuan ha confermato l'individuazione verificando sia una versione normale che mutata di STAT3 in uno spettrometro di massa. Il commputer fracassa la proteina negli amminoacidi poi ordina queste particelle elementari. Il lavoro ha richiesto quasi due anni per completare.

Chin ha detto che la ricerca fornisce un obiettivo importante per le droghe nel trattamento del petto ed i carcinoma della prostata che sono comuni negli Stati Uniti. Secondo l'Associazione del Cancro Americana, i 217.440 Americani stimati sono stati diagnosticati con cancro al seno e 230.110 sono stati diagnosticati con carcinoma della prostata nel 2004.

“Trovare una droga per bloccare sia la fosforilazione della tirosina che l'acetilazione della lisina di proteina STAT3 dovrebbe essere un trattamento del cancro più efficace,„ Chin ha detto.

Il gruppo di ricerca egualmente ha incluso Ying-Jie Guan, un collega post-dottorato in laboratorio e Devasis Chatterjee, un assistente universitario (ricerca) di Medicina alla Facoltà di Medicina Marrone.

http://www.brown.edu/