Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Prova di Etanercept per la malattia di Wegners mostra alcun beneficio contro la condizione autoimmune

Un Johns Hopkins guidata studio disegnato per valutare la capacità di etanercept per mantenere remissioni della malattia in un grave disturbo autoimmune non ha dimostrato alcun beneficio. Etanercept, chiamato anche Enbrel, è un comune trattamento per l'artrite reumatoide e altri tipi di infiammazione articolare.

"Noi speravamo che questo approccio al trattamento della granulomatosi di Wegener sarebbe utile nella prevenzione delle ricadute di malattia," dice John H. Stone, MD, professore associato di medicina, direttore della Johns Hopkins Vasculite Centro , e ricercatore principale dello studio pubblicato nel 27 GENNAIO 2005, numero della rivista New England Journal of Medicine .

"I risultati dello studio, tuttavia, dimostrano inequivocabilmente che Etanercept non era efficace per questo scopo. Causa della propensione della malattia di remissione bagliore seguito e l'alto rischio di complicanze del trattamento associato a terapie convenzionali per Wegener, dobbiamo continuare a cercare sicuro, efficace modi di raggiungere e mantenere la remissione della malattia ", ha detto Stone.

Granulomatosi di Wegener è una malattia rara in cui il sistema immunitario attacca i suoi vasi sanguigni propri, danneggiare organi vitali da limitare il flusso di sangue ai polmoni, reni, vie aeree superiori e di altri organi. La malattia può colpire persone di ogni età e si manifesta in uomini e donne con uguale frequenza.

Nonostante i medicinali attualmente utilizzati per il trattamento di Wegener fermare temporaneamente la malattia nella maggior parte dei pazienti, dal 60 al 80 per cento dei pazienti che soffrono di razzi alla fine della malattia. La necessità di trattare molti pazienti ripetutamente con farmaci come i glucocorticoidi (prednisone), ciclofosfamide, methotrexate e porta alla morbilità montaggio dai trattamenti. Allo stesso tempo, ogni riacutizzazione della malattia ha il potenziale di causare danni irreversibili. Granulomatosi di Wegener porta spesso ad insufficienza renale, perdita dell'udito, danni alle vie respiratorie, lesioni dei nervi periferici, e altre complicazioni, secondo Stone.

Etanercept, il primo di una classe di farmaci chiamati inibitori del fattore di necrosi tumorale approvato dalla Food & Drug Administration statunitense per il trattamento dell'artrite reumatoide, è noto anche per essere efficace nella psoriasi, artrite psoriasica e artrite reumatoide giovanile. Per testare l'efficacia di Etanercept nel prevenire flare-up per i pazienti di Wegener, Stone e colleghi di altri sette centri medici accademici arruolati 180 pazienti con la malattia in uno studio randomizzato, controllato con placebo clinica. Tutti i pazienti hanno ricevuto terapia standard farmaco per curare la malattia. In aggiunta alle terapie standard, 89 pazienti hanno ricevuto Etanercept e 91 placebo. I pazienti sono stati seguiti per una media di 27 mesi.

I ricercatori hanno trovato differenze significative nelle percentuali di pazienti nei due gruppi che hanno raggiunto remissione della malattia di almeno sei mesi di durata: 69,7 per cento tra i pazienti trattati con etanercept, rispetto al 75,3 per cento nel gruppo di controllo. Nello studio in generale, meno del 50% dei pazienti ha raggiunto e mantenuto remissioni per tutta la durata dello studio. Ci sono state anche osservate differenze tra i gruppi nel numero di pazienti che hanno avuto razzi malattia grave o limitata. Ventitre pazienti nel gruppo Etanercept ha subito gravi razzi durante il processo, per esempio, rispetto al 25 nel gruppo di confronto. In entrambi i gruppi, remissioni della malattia sono stati raggiunti ad un costo elevato del trattamento associati effetti negativi. Maggior parte degli effetti collaterali del trattamento sono stati attribuiti ai farmaci convenzionali. Tumori solidi sviluppato in sei pazienti nel gruppo Etanercept, tuttavia, rispetto a nessuno nel gruppo placebo.

"Il numero dei tumori osservati è troppo piccolo per trarre conclusioni definitive", ha osservato Stone. "Vi è certamente il potenziale di interazione tra gli inibitori del TNF e ciclofosfamide. - Un farmaco noto per causare diversi tipi di tumore questo potenziale associazione porta ulteriore esame", ha detto Stone.

Altri centri partecipanti allo studio erano il Beth Israel Medical Center (New York), Boston University, la Cleveland Clinic Foundation, Duke University, la University of California, San Francisco, la Mayo Clinic, e l'Università del Michigan. Lo studio è stato finanziato dal National Institute of Arthritis, muscoloscheletrico, malattie della pelle e / National Institutes of Health (NIH / NIAMS) e l'Ufficio per orfani Sviluppo Prodotti (US Food and Drug Administration). Amgen Corporation fornito Etanercept e placebo per il processo.

Vedi http://www.nejm.org e http://vasculitis.med.jhu.edu/index.html