Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studi i fuochi sul migliore trattamento per le donne più anziane con il cancro al seno in anticipo della quantità negativa del ricevitore

Le donne più anziane con la quantità negativa che del recettore ormonale il cancro al seno in anticipo che può corrente perdersi le efficaci droghe anticancro postoperatorie potrà partecipare ad un nuovo test clinico specificamente hanno puntato su questo gruppo di donne.

Quasi 1300 donne di 66 anni e più con il tipo di cancro al seno in anticipo che non reagisce alle cure ormonali, quale il tamoxifene, saranno reclutate agli studi ausiliari della chemioterapia per le donne alla prova avanzata dell'età (CASA). Sarà coordinata dal gruppo di studio internazionale del cancro al seno (IBCSG), con partecipazione mondiale dal gruppo internazionale del petto (BIG) e supporto dallo Schering-Plough Corporation.

Lo studio, annunciato questa settimana alla nona conferenza internazionale -- La terapia primaria di cancro al seno in anticipo, studierà l'efficacia di un modulo novello della chemioterapia, chiamato doxorubicina liposomica pegylated (Caelyx, Schering-Plough Corporation), sulla ricorrenza del cancro al seno e sulla sopravvivenza dopo chirurgia. Egualmente paragonerà Caelyx ad un altro, combinazione della basso dose delle droghe anticancro.

Il Dott. Silvia Dellapasqua, dal IBCSG a Berna, la Svizzera, che è una delle presidenze di studio della prova delle CASE, spiega che medici corrente affrontano un dilemma circa come curare il 15-30% delle donne più anziane con cancro al seno in anticipo che non reagisce alla cura ormonale.

“Alcuni medici possono decidere di non offrire nuova terapia dopo ambulatorio appropriato, particolarmente se la donna è inadatta per il trattamento,„ hanno detto il Dott. Dellapasqua. “Altri possono modificare i programmi della chemioterapia che sono utilizzati in più giovani donne che tentano empiricamente di evitare gli effetti tossici soggettivi, che sono più comuni e meno tollerabili in pazienti più anziani. Speriamo che lo studio delle CASE contribuisca a stabilire i nuovi standard di cura per queste donne più anziane.„

Gli studi delle CASE (IBCSG 32-05/GRANDE 1-05) saranno intrapresi con 1296 pazienti di 66 anni o più vecchi con cancro al seno in anticipo classificato come nonresponsive ai trattamenti ormonali. La durata dei programmi di trattamento ausiliari nella prova sarà di 16 settimane.