Il Composto, derivato da un impianto Sudamericano raro, ferma la crescita delle celle di cancro al seno umane

Hanno cominciato con una stanza nuda e un'idea. Ora, dopo cinque anni di prove scrupolose e sofisticate, scienziati all'Università di Sistema di Salubrità della Virginia hanno scoperto che un composto, derivato da un impianto Sudamericano raro, ferma la crescita delle celle di cancro al seno umane nelle culture del laboratorio.

U. Va. Gli scienziati Deborah Lannigan e Jeffrey Smith del Sistema di Salubrità sperano che, dopo ulteriore prova, la loro scoperta potrebbe tradurre in riuscita droga per il trattamento di cancro al seno. La malattia è il secondo uccisore principale del cancro delle donne negli Stati Uniti, secondo l'Associazione del Cancro Americana, con 40.410 morti stimate.

Il composto, chiamato SL0101, viene dal refracta di Forsteronia dell'impianto, un membro qualunque delle apocinacee trovate nella foresta pluviale Amazzoniana. Il composto funziona come un digitare un blocco molecolare. Inibisce l'atto di una proteina Cancro-collegata chiamata RSK, che i ricercatori scoperti è importanti per gestire la crescita delle celle di cancro al seno. Interessante, SL0101 non altera la crescita delle celle normali del petto. La scoperta è dettagliata nell'emissione del 1° febbraio 2005 della Ricerca Sul Cancro Del giornale e può essere trovata online a: www.cancerres.aacrjournals.org.

“Impedendo RSK lavorare, completamente abbiamo fermato la crescita delle celle di cancro al seno ma non abbiamo pregiudicato la crescita delle celle normali del petto,„ ha detto Lannigan, un Assistente Universitario di Microbiologia al U. Va. Centro del Cancro. Confronta questa scoperta allo sviluppo della droga Gleevec per il trattamento della leucemia mieloide cronica. Come Gleevec, SL0101 è un inibitore di trasduzione del segnale che interferisce con le vie che segnalano la crescita dei tumori. “Gleevec è una scoperta emozionante e stiamo sperando di avere simile successo con SL0101,„ Lannigan ha detto.

Per ora, Lannigan e Smith hanno cominciato a provare il composto nei modelli animali. “Il punto seguente è di vedere se SL0101 impedirà la crescita delle celle umane del tumore in mouse,„ ha detto Smith, un Assistente Universitario della Ricerca di Patologia al U.Va. Centro del Cancro. “Modificheremo la struttura di SL0101 se necessario, finalmente per trovare un composto che può essere portato a termine ai test clinici umani. Quello è lo scopo. Ma le prove umane probabilmente saranno anni giù la strada.„ La scoperta di questo composto anticancro potenziale ad un laboratorio di U.Va, Lannigan ha detto, egualmente evidenzia il ruolo importante della ricerca accademica nello sviluppo della droga.

I ricercatori hanno collaborato su questa scoperta con un U.Va. Il Professor di Chimica, il Dott. Sidney Hecht, che mantiene tantissimi impianti instabili si è raccolto dall'Istituto Nazionale contro il Cancro negli anni 60 per la ricerca. Ha richiesto gli anni di lavoro per identificare e caratterizzare SL0101 come inibitore specifico di RSK. “Scoprire che RSK è un buon obiettivo della droga per cancro al seno è molto emozionante,„ Smith ha detto.

I Malati di cancro stessi possono anche catturare il credito per questa scoperta. Un gruppo di volontari “dai Pazienti e dagli Amici del U.Va. Il Centro del Cancro„ ha fornito i fondi in una fase cruciale della ricerca.

http://www.virginia.edu/