Il gel assicura la protezione dal HIV e dal herpes

I ricercatori della scuola di medicina di monte Sinai hanno dimostrato che un gel applicato nella vagina assicura la protezione sia dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV) che dal virus Herpes simplex. Lo studio, presentato alla dodicesima conferenza sui Retroviruses e sulle infezioni opportunistiche, è il primo per indicare che un gel può conservare l'attività antivirale all'interno della vagina umana.

Lo studio, che è stato costituito un fondo per dagli istituti della sanità nazionali (NIH) ha studiato l'efficacia di PRO 2000, un microbicide attuale in sviluppo da Indevus Pharmaceuticals, Inc.

“C'è un bisogno urgente per lo sviluppo dei microbicides vaginali sicuri ed efficaci,„ Marla Keller, M.D., assistente universitario di medicina alla scuola di medicina di monte Sinai ed il ricercatore che hanno presentato i dati. “Mentre i preservativi offrono la protezione contro sessualmente - le infezioni trasmesse, la loro efficacia è limitate perché richiedono l'inizio del partner o acconsentono.„

Secondo la relazione delle nazioni unite 2004 sull'epidemia di AIDS globale, 40 milione di persone stimato universalmente stanno vivendo con il HIV e le donne rappresentano quasi la metà di quelle infettata. Come specificato dall'organizzazione mondiale della sanità, il sesso non protetto è il modo predominante di trasmissione del HIV ed il herpes genitale svolge un ruolo principale nella diffusione sessuale del HIV.

I ricercatori hanno condotto un futuro, ripartito le probabilità su, capanno mimetico del doppio, a studio controllato a placebo fra 20 donne affette da HIV per valutare l'attività antivirale di PRO 2000 nel fluido di lavaggio (CVL) cervicovaginale raccolto prima ed un'ora dopo amministrazione di singola dose intravaginale di PRO 2000 si gelificano o un gel abbinato del placebo. Gli esemplari di CVL sono stati provati a loro capacità di impedire l'infezione di HSV e del HIV delle cellule umane suscettibili nella cultura. I livelli di citochine infiammatorie egualmente sono stati misurati come indicatori di infiammazione acuta.

Le analisi hanno indicato che CVL ottenuto dopo l'applicazione di PRO 2000 gel ha diminuito sia il HIV che infettività di HSV almeno dalla volta 1000 ha confrontato a CVL ottenuto al riferimento. Gli effetti erano altamente statisticamente significativi (p<0.001). Al contrario, CVL raccolto dai destinatari del gel del placebo ha mostrato poco o nessun effetto antivirale. Ancora, i ricercatori hanno trovato i simili bassi livelli di citochine infiammatorie in CVL raccolto dai gruppi del placebo e della droga, indicanti che la PRO applicazione 2000 non ha indotto una risposta infiammatoria acuta.

“Le risposte infiammatorie hanno potuto potenzialmente aumentare la predisposizione al HIV e limitare tutto l'effetto protettivo dei microbicides.„ Betsy detto Herold, M.D., professore di medicina e del capo della malattia infettiva pediatrica al monte Sinai ed il ricercatore senior su questo studio. “Corrente stiamo intraprendendo gli studi dei 14 giorni per valutare indipendentemente da fatto che c'è una risposta infiammatoria dopo le applicazioni ripetute.„