Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Importanza di Fbw7 come soppressore emergente del tumore

Il virus scimmiesco 40 del virus di tumore del DNA produce il grande antigene di T che inattiva due delle proteine d'impedimento più importanti delle cellule, p53 e pRb. In uno studio pubblicato nel giornale della biochimica, i ricercatori al centro di ricerca sul cancro di Fred Hutchinson riferiscono la scoperta di un obiettivo supplementare per l'antigene di T - una proteina chiamata Fbw7.

Il gene Fbw7 è situato in una regione cromosomica che è cancellata in fino a 30% dei tumori umani. “Fbw7 è stesso un soppressore importante del tumore che gli opera una scelta attraente per inattivazione da grande T,„ il Dott. spiegato Markus Welcker, il primo autore dello studio.

La ricerca compare come “il documento della settimana„ nell'edizione del 4 marzo del giornale della biochimica, una società americana per il giornale di biologia molecolare e della biochimica.

I virus di tumore del DNA proliferano dirottando il loro macchinario del replicazione del dna della cellula ospite. Per fare questo, hanno evoluto i meccanismi per ignorare i comandi cellulari normali della replica. Il virus scimmiesco 40 (SV40) compire questo compito producendo il grande antigene altamente oncogeno di T. Questa proteina corrompe i meccanismi cellulari del controllo che custodicono la divisione cellulare e la trascrizione, la replica e la riparazione di DNA. L'antigene di T egualmente inattiva alcune delle proteine più importanti che proteggono le celle da trasformazione maligna, compreso le proteine p53 del soppressore del tumore e il pRb.

Nel giornale del documento della biochimica, il Dott. Welcker ed il Dott. Bruce Clurman riferiscono che l'antigene di T egualmente lega ad un altro soppressore del tumore, Fbw7. Questa proteina fa parte di un complesso della ligasi di ubiquitin che aggiunge il ubiquitin alle proteine per tracciarli per la distruzione dalla cella. Fbw7 riconosce un segnale della distruzione su determinate proteine che devono essere degradate e le porta nella grande prossimità agli enzimi che fissano il ubiquitin. Le proteine riconosciute da Fbw7 svolgono i ruoli chiave nella divisione cellulare, nella crescita delle cellule, nella differenziazione e nella morte delle cellule.

“Queste proteine sono egualmente alcuni degli oncogeni cellulari il più largamente agenti e comprendono il cyclin E, il c-Myc, la tacca e c-Giugno,„ il Dott. celebre Clurman. “Quando Fbw7 è subito una mutazione nei cancri, la liberalizzazione di questi obiettivi oncogeni Fbw7 è pensata per contribuire a cancro. L'antigene di SV40 T contiene un motivo che imita il segnale della distruzione trovato in queste proteine.„ Tuttavia, a differenza degli altri substrati riconosciuti da Fbw7, l'antigene di T non si distrugge dalla cella.

DRS. Sospetto di Welcker e di Clurman che fungendo da esca e associazione a Fbw7, antigene di T protegge gli obiettivi cellulari Fbw7 che facilitano la replicazione virale e il tumorigenesis.

“Penso le sottolineature di questo lavoro l'importanza di Fbw7 come soppressore emergente del tumore e le conseguenze della sua perdita in tumori,„ il Dott. Welcker hanno sottolineato.

“Lo studio dei virus di tumori del DNA è stato uno strumento estremamente importante nella comprensione delle vie cellulari che regolamentano la divisione cellulare e sono interrotte nel cancro. La comprensione dei meccanismi attraverso cui questi virus interagiscono con il macchinario cellulare che regolamenta la divisione cellulare può piombo alle nuove comprensioni nelle vie che causano il cancro. Ciò è un punto importante a progettare le nuove strategie di trattamento del cancro che mirano a queste vie,„ il Dott. conclusivo Clurman.