Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I comportamenti rischiosi dell'iniezione sono stabiliti all'inizio di uso della droga dell'iniezione

Le circostanze che circondano la prima esperienza dell'iniezione nei giovani tossicodipendenti dell'iniezione sono collegate significativamente a comportamento futuro dell'iniezione, secondo un nuovo studio dai ricercatori al banco di Johns Hopkins Bloomberg della salute pubblica e di altre istituzioni.

I ricercatori hanno trovato che quella gente che il primo ha iniettato droghe con una siringa che precedentemente era stata usata da qualcun altro erano molto più probabile riferire la divisione delle siringhe più successivamente, in paragone a coloro che ha utilizzato una nuova siringa alla prima iniezione. Lo studio è pubblicato nell'emissione del 7 marzo 2005 di dipendenza dell'alcool e della droga.

“Dobbiamo raggiungere i tossicodipendenti prima che comincino iniettare. Devono essere informati dei pericoli della divisione delle siringhe. Eravamo felici di vedere che i tossicodipendenti dell'iniezione che avevano sentito parlare Baltimora, Md., programma di scambio di siringa prima che cominciassero usando le droghe dell'iniezione erano meno probabili dividere le siringhe utilizzate, che le mette ad un più a basso rischio di contratto del HIV, epatite virale C ed altre malattie,„ abbiamo detto Laura A. Novelli, MHS, autore principale dello studio e un dottorando al banco di Bloomberg della salute pubblica quando la ricerca è stata completata.

Gli autori di studio hanno esaminato i dati raccolti dai lavoratori di esagerare affiliati con lo studio di SBRACCIO III, ad uno studio basato a Baltimora dei tossicodipendenti. Gli autori hanno esaminato i dati derivati dalle interviste con 420 tossicodipendenti dell'iniezione, di 15-30 anni, che stavano iniettando le droghe per meno di cinque anni.

I ricercatori hanno trovato che la maggior parte dei partecipanti di studio che hanno riferito che dividono le siringhe nei sei mesi prima della loro intervista era giovane (età media, 23 anni), maschi bianchi che non avevano rifinito la High School e non hanno avuti un processo costante. La maggior parte erano egualmente senza tetto.

Oltre 38 per cento dei partecipanti di studio ha detto che recentemente avevano iniettato con una siringa usata e di questi 37 per cento ha riferito la divisione delle siringhe quando in primo luogo hanno iniettato. Al contrario, circa la metà dei partecipanti di studio che hanno detto che non hanno diviso i aghi di stampa hanno ottenuto la loro prima siringa da un programma di scambio della siringa o della farmacia.

I tossicodipendenti che hanno riferito la divisione delle siringhe ai tempi della prima iniezione erano più probabili essere più giovani nell'età, essere iniettato da qualcun altro ed utilizzare una siringa che precedentemente era stata usata da qualcun altro, in paragone ai tossicodipendenti dell'iniezione che le hanno riferite corrente non hanno diviso le siringhe.

“Come i tossicodipendenti dell'iniezione cominciano usando le droghe può prevedere i loro comportamenti dell'iniezione e rischio futuri di acquisto delle malattie infettive. C'è naturalmente uno sforzo intenso per promuovere le pratiche sane fra i tossicodipendenti dell'iniezione, ma ci sono egualmente una serie di vantaggi nel lavoro con i tossicodipendenti dell'non iniezione pure nell'impedire la transizione ad uso della droga dell'iniezione come pure formazione. Se non possiamo impedire l'inizio dell'iniezione, possiamo istruire i tossicodipendenti, che faranno diminuire il loro rischio di contratto del HIV, epatite virale C ed altre malattie sangue-sopportate,„ abbiamo detto Susan G. Sherman, PhD, MPH, autore corrispondente dello studio e un assistente universitario nel dipartimento dell'epidemiologia al banco di Bloomberg della salute pubblica.