Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Progresso verso sviluppo di un vaccino del cancro al seno

Il progresso verso lo sviluppo di un vaccino del cancro al seno è stato riferito dai ricercatori alla scuola di medicina dellIl progresso verso lo sviluppo di un vaccino del cancro al seno è stato riferito dai ricercatori alla scuola di medicina dell'università di Washington ed al centro del Cancro di Siteman a St. Louis.

i vaccini di Cancro-combattimento stimolano le celle immuni riconoscere le celle del tumore come non Xeros e distruggerli. I medici ritengono che da una risposta immunitaria indotta da vaccino potrebbe essere usata per completare altre terapie del cancro o per immunizzare la gente ad alto rischio contro cancro.

“Stiamo studiando una proteina chiamata mammaglobin-A trovato in 80 per cento dei tumori del petto,„ dice Thalachallour Mohanakumar, Ph.D., Jacqueline G. e William E. Maritz professore dell'immunologia e dell'oncologia nel dipartimento di chirurgia ed al centro del Cancro di Siteman. “La proteina è particolarmente interessante per immunoterapia del cancro a causa del suo frequente avvenimento e perché i tumori del petto lo esprimono agli alti livelli.„

In articoli nel giornale dell'istituto nazionale contro il cancro e la ricerca ed il trattamento del cancro al seno, i ricercatori riferiscono che hanno costruito un vaccino che consiste delle copie della sequenza del DNA che fa il mammaglobin-A in esseri umani.

I ricercatori hanno teorizzato il vaccino del DNA andrebbero su di giri le celle immuni speciali chiamate celle di T per riconoscere il mammaglobin-A come molecola non Xeros quando video sulla superficie delle celle come antigene (una piccola proteina che il sistema immunitario può riconoscere). Le cellule T innescate poi prolifererebbero ed attaccherebbero quando hanno incontrato gli antigeni del mammaglobin-A.

“Mammaglobin-A è compreso nello sviluppo del petto e secernuto in latte materno,„ Mohanakumar dice. “Così abbiamo dovuto provare in primo luogo che potremmo suscitare una risposta immunitaria ad una proteina che è normalmente nell'organismo.„

Hanno iniettato il vaccino del DNA sotto l'interfaccia dei mouse della prova che erano stati costruiti in modo che i loro sistemi immunitari reagissero al mammaglobin-A umano come un sistema immunitario umano. I ricercatori hanno caricato le celle specifiche nei mouse con gli antigeni del mammaglobin-A ed hanno trovato che le cellule T vaccino-innescate hanno attaccato quelle celle caricate.

Le celle di T vaccino-innescate anche trasferite del gruppo di ricerca nei mouse con i tumori crescenti che hanno avuti o non hanno avuti antigeni del mammaglobin-A. I tumori con gli antigeni del mammaglobin-A hanno smesso di crescere e restretto nel volume, mentre quelli senza gli antigeni hanno continuato a svilupparsi al passo usuale.

“I risultati hanno dimostrato che la risposta immunitaria vaccino-innescata è specifica agli antigeni del mammaglobin-A,„ Mohanakumar dice.

I tumori del petto con gli antigeni del mammaglobin-A sulla loro superficie anche possono video gli antigeni che vengono dalle parti multiple della molecola del mammaglobin-A. Ulteriori esperimenti hanno confermato l'importanza della generazione delle celle di T che possono reagire a vari antigeni differenti del mammaglobin-A.

Quando il gruppo di ricerca ha analizzato un vaccino del DNA che contiene il codice del DNA ad appena una parte della molecola del mammaglobin-A, hanno scoperto che le celle di T reagiscono soltanto a quell'antigene, indicante che il metodo può generare le celle immuni che mirano alle parti specifiche della proteina del mammaglobin-A.

“Ora che abbiamo trovato quanto efficacemente una risposta immunitaria può essere generata a mammaglobin-A, pianificazione condurre i test clinici in pazienti che sono a molto ad alto rischio per cancro al seno ed in pazienti che hanno avuti una ricaduta dopo il trattamento iniziale,„ Mohanakumar dice. “Vogliamo vedere se dando i pazienti che il vaccino del DNA può impedire o eliminare il cancro al seno o rallentare almeno la sua crescita.„