Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Colleghi fra una via critica del cancro e una proteina (EBV) del virus di Epstein-Barr

I ricercatori alla scuola di medicina dell'università della Pennsylvania hanno identificato un collegamento fra una via critica del cancro e una proteina (EBV) del virus di Epstein-Barr conosciute per essere espresso in una serie di cancri EBV-associati.

I loro risultati dimostrano un nuovo meccanismo da cui EBV trasforma i linfociti B umani dal sistema immunitario nelle celle cancerogene, che possono piombo allo sviluppo dei linfomi delle cellule.

Erle S. Robertson, PhD, professore associato di microbiologia e Direttore della virologia del tumore, con cavaliere di Jason dello studente del centro e di MD/PhD del Cancro del Abramson di Penn, ha pubblicato la loro emissione di risultati all'inizio di marzo di biologia molecolare e cellulare.

Facendo uso delle culture di cellula umana infettate con il virus di Epstein-Barr, i ricercatori hanno trovato che una proteina virale specifica mira ad una molecola che regolamenta normalmente la progressione del ciclo cellulare, o al trattamento della duplicazione, dei linfociti B di riposo. In presenza di questa proteina virale - EBNA3C chiamato (per l'antigene nucleare di EBV) - il ciclo cellulare dei linfociti B umani solitamente tranquilli ottiene un inizio di salto, che infine inizia la crescita incontrollata.

EBV, un membro della famiglia di herpesvirus ed uno dei virus umani più comuni, giochi un ruolo nei cancri quali le malattie di linfoproliferativo in trapianto o nel linfoma dei malati di AIDS, di linfoma di Burkitt, di Hodgkin e nel carcinoma rinofaringeo ed egualmente causa la malattia ben nota, mononucleosi infettiva. Altrettanto come 95 per cento degli adulti 20 anni e più vecchi sono stati infettati con EBV, ma non mostrano sintomi.

“I virus che sono associati tipicamente con i cancri mirano al ciclo cellulare per guadagnare il controllo,„ dice Robertson. “Tuttavia, questa è la prima volta quella ricerca del laboratorio su come EBV determina il processo cancerogeno direttamente ha identificato una componente critica del ciclo cellulare per controllo. Ora possiamo sviluppare la terapeutica mirata a per interrompere la funzione di questa proteina virale.„ I ricercatori congetturano che il primo uso delle terapie future da questi studi sarà nella malattia di linfoproliferativo in trapianto ed in pazienti immunocompromised perché questo è un chiaro caso da di linfoma guidato EBV del linfocita B.

L'uso dei peptidi bloccare l'interazione fra questa proteina essenziale di EBV e la via specifica in linfociti B umani è corrente in corso. Gli studi di iniziale indicano che la crescita delle cellule tumorali EBV-associate può essere inibita nelle analisi della tessuto-cultura. I ricercatori attivamente stanno perseguendo questa riga di ricerca per sviluppare le terapie potenziali.