Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Più ricerca sulla Vitamina E sorprende gli scienziati

50 anni di ricerca sui vantaggi presunti di cattura della vitamina E extolled il suo potenziale antiossidante di offrire varie indennità-malattia potenziali, compreso la diminuzione del rischio di Alzheimer, di cancro e di malattia di cuore.50 anni di ricerca sui vantaggi presunti di cattura della vitamina E extolled il suo potenziale antiossidante di offrire varie indennità-malattia potenziali, compreso la diminuzione del rischio di Alzheimer, di cancro e di malattia di cuore.

Ora un nuovo studio, Valutazione di Prevenzione di Risultati del Cuore - I Risultati In Corso studiano (HOPE-TOO), pubblicato questa settimana, contiene inatteso e preoccupare le emissioni con la vitamina E e la salubrità del cuore.

Lo studio ha trovato inatteso i pazienti sopra l'età 55 con la malattia di cuore, il colpo o il diabete più almeno altro un fattore di rischio cardiovascolare, che ha catturato i supplementi della vitamina E, ha avvertito un rischio aumentato di infarto ma non può essere confermato attualmente da altre prove. Ciò confonde il dibattito come due studi precedenti nel 1993 e 1996, è giunto alla conclusione opposta.

Gli Antiossidanti del Cuore di Cambridge Studiano (CHAOS) conclusivo là erano una diminuzione nelle morti da infarto in partecipanti che catturano i supplementi della vitamina E che hanno avuti coronaropatia. Il Consumo della Vitamina E ed il Rischio di Malattia Coronarica in Donne studiano, condotto da Harvard, hanno valutato più di 80.000 infermieri ed hanno trovato un rapporto di riproduzione di 41% del rischio di malattia di cuore in infermieri che hanno catturato la vitamina E per due anni.

Il Dott. Ishwarlal Jialal, M.D., Ph.D., Presidenza in Patologia Sperimentale, Direttore di Robert E. Stowell Endowed del Laboratorio per Aterosclerosi e la Ricerca Metabolica ed il Professor di Medicina Interna e di Patologia alla Scuola di Medicina di Uc Davis è prudente circa questi ultimi risultati e che dice che non è fatta un backup tramite l'altra ricerca. Dice che ulteriori studi devono essere intrapresi sugli effetti della vitamina E e la malattia di cuore e fino a quella accade, i risultati è discutibile. In uno studio precedente, gli stessi ricercatori di HOPE-TOO trovati nel sottogruppo di pazienti diabetici “là non erano differenze significative fra i gruppi di studio nelle tariffe di tutti i risultati secondari che hanno compreso l'infarto e l'ospedalizzazione per infarto„.

La Vitamina E, è una vitamina liposolubile, che funge da antiossidante per proteggere le celle nell'organismo dagli effetti dei radicali liberi, sottoprodotti potenzialmente offensivi del metabolismo delle cellule. Il Dott. Jialal ha concluso la comunità scientifica dovrebbe condurre il lungo termine, prove della larga scala in popolazioni ben definite per continuare a capire il vantaggio della vitamina E come pure di tutti gli effetti contrari potenziali.