Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Supporto per l'uso della terapia di basse dosi di aspirina nella prevenzione e nel trattamento di preeclampsia

Un nuovo studio condotto dal ricercatore universitario della regina Colin Funk fornisce supporto indiretto per l'uso della terapia di basse dosi di aspirina nella prevenzione e nel trattamento pre-eclampsia – un disturbo di gravidanza che spesso è dannoso per la madre e del feto.

Questa strategia di trattamento è controversa, poiché è stato associato con complicanze come trombosi (coagulazione del sangue) e problemi con manodopera. Tuttavia, il nuovo studio mostra che "la logica per la terapia di basse dosi di aspirina prevenire o ritardare la preeclampsia senza compromettere la funzione riproduttiva, o incrementando le possibilità di trombosi, è sicuramente una strategia terapeutica fattibile," dice il Dr. Funk.

I risultati dello studio sono pubblicati on-line dell' international Journal of Clinical Investigation.

Recentemente nominato come Canada Research Chair in medicina fisiologica, cellulare e molecolare, Dr. Funk è un esperto nello studio delle molecole che funzionano in quasi tutti i sistemi corporei. La produzione di prostaglandine è bloccata dalla assunzione di aspirina.

Altri membri del team di ricerca sono presso l' Università della Pennsylvania, dove il Dr. Funk era facoltà prima di venire a della regina attraverso un programma canadese istituti di Health Research (CIHR).

Pre-eclampsia, che colpisce il 5-10 per cento di tutte le gravidanze, è caratterizzata da alta pressione sanguigna nella madre ed è una delle cause principali del bambino e decessi materni nei paesi in via di sviluppo. Si ritiene che lo sviluppo di nuovi trattamenti per preeclampsia e l'identificazione precoce e la gestione di questo rischio in entrambi i gruppi possono prevenire l'insorgenza di malattie cardiache a lungo termine.

In questo studio, il team di ricerca ha creato un modello che imita la terapia di basse dosi di aspirina nei topi. Hanno trovato che gli ambienti delle ovaie e dell'utero sono stati modificati solo leggermente, e i topi sperimentato induzione normale del lavoro, cucciolata normale e lo sviluppo della prole.

"Questo nuovo modello di topo avrà un valore significativo nello studiare le implicazioni dell'aspirina dose bassa in diverse condizioni patologiche, come pre-eclampsia, trombosi e malattie infiammatorie," dice il Dr. Funk. "Siamo fiduciosi che il nostro modello porterà il modo per ulteriori opzioni di trattamento per questi debilitante condizioni."

Finanziamenti per questa ricerca è venuto dalla U.S. National Institutes of Health.

http://www.queensu.ca