Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il genoma di Wolbachia rivela i nuovi obiettivi alla malattia infettiva di combattimento

Più di miliardo genti sono a rischio dell'infezione con i nematodi filarial, parassiti che causano l'elefantiasi, la cecità di fiume Africana ed altre malattie debilitanti in più di 150 milione di persone universalmente.

I nematodi stessi giocano il host ai batteri che in tensione all'interno delle loro celle, ma in questo caso, la relazione è mutualismo classico, con ciascuno che trae giovamento dall'altro. Effettivamente, il batterio di Wolbachia è così determinante per il suo nematode ospite che apparentemente sradicarlo con gli antibiotici compromette severamente la capacità del nematode di completare il suo ciclo di vita all'interno del suo host umano. Quindi, capire i dettagli di questa relazione può contribuire ad identificare le nuove strategie per le malattie gestenti causate dai nematodi filarial. In un nuovo studio pubblicato nella Biologia online libero-disponibile di PLoS del giornale, Barton Slatko ed i colleghi presentano la sequenza completa del DNA dello sforzo all'interno del malayi di Brugia, un nematode parassitario di pipientis di Wolbachia responsabile di filariosi linfatica.

Questo genoma di Wolbachia è piccolo, solo circa milione coppie di basi e molti geni metabolicamente critici si sono degradati con la mutazione al punto di inutilità. Questo fenomeno, chiamato evoluzione riduttrice, è tipico delle simbiosi a lungo termine, poichè i due partner sempre più complementano le attività biochimiche l'un l'altro.

Slatko ed i colleghi enumerano varie vie che sono state degradate o conservato state ed evidenziano i reticoli nella struttura del genoma con i confronti con altri batteri. Per esempio, Wolbachia può fabbricare alcuni coenzimi metabolici essenziali, che non sembrano essere fatti dal suo host. Per Contro, non può sintetizzare gli amminoacidi e vari altri vitamine e cofattori e probabilmente dipende dal nematode per fornirli.

Una scoperta di importanza possibile è la presenza nel batterio della via sintetica per heme - la componente ditrasporto del ferro di emoglobina. Il nematode può richiedere il heme per la sintesi degli ormoni inerenti allo sviluppo, in modo dalla via del heme di Wolbachia può essere un obiettivo d'invito per la terapia contro l'infezione del nematode. Poiché antifilarial non nuovo è stato sviluppato in due decadi, questi risultati possono piombo rapidamente alle nuove strategie terapeutiche contro questi parassiti.

http://www.plosbiology.org/

Read in: