Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le celle immuni nel fegato viaggiano nei vasi sanguigni del fegato con la velocità e l'agilità sorprendenti

Gli scienziati alla scuola di medicina di New York University che osserva il viaggio reale delle celle immuni nel fegato hanno trovato che queste celle viaggiano nei vasi sanguigni del fegato con la velocità e l'agilità sorprendenti.

È la prima volta che il movimento delle celle immuni in tensione chiamate celle di T naturali (NKT) dell'uccisore è stato veduto nel fegato, secondo uno studio pubblicato nell'emissione del 5 aprile 2005 della biblioteca pubblica di scienza, aperto Access, giornale online.

Le celle di NKT sono i guardiani del fegato. Sorvegliano il fegato per le molecole non Xeros sui batteri e virus ed una volta che trovano gli intrusi, avvisano il sistema immunitario alla loro presenza. Egualmente sono pensate per svolgere un ruolo nell'avere le cellule danneggiate e nell'esplorazione per i tumori.

Piombo da Dan R. Littman, M.D., PhD., professore di patologia e un ricercatore di Howard Hughes Medical Institute e Michael L. Dustin, il Ph.D., professore associato di patologia, lo studio ha analizzato durante le ore il movimento delle celle di NKT e della loro risposta a proteina non Xeros, o all'antigene, in mouse.

Lo studio ha rivelato una serie di sorprese. In primo luogo, le celle di NKT hanno fatto il loro lavoro quasi interamente all'interno dei vasi sanguigni del fegato. Precedentemente, la teoria convenzionale ha sostenuto che queste celle erano forzate dal sangue nei tessuti, in cui hanno fatto il loro lavoro specializzato. “Questo è il primo esempio di un sistema in cui la sorveglianza delle cellule per l'antigene è intravascolare piuttosto che all'interno di un tessuto,„ dice il Dott. Littman.

In secondo luogo, le celle di NKT sono sembrato avere l'agilità di pro atleta. Le celle si sono mosse rapidamente e cambiato le direzioni, a volte viaggiando contro la direzione di sangue di scorrimento, nessun'abilità media.

I ricercatori potevano rintracciare il movimento delle celle, sostituendo un gene chiamato CXCR6 con un gene per proteina fluorescente verde, che emette luce e rende le celle visibili sotto un microscopio. I ricercatori hanno usato una tecnica chiamata la rappresentazione intravital del microscopio di fluorescenza per osservare il comportamento delle celle d'ardore in mouse in tensione.

Lo studio ha indicato che le celle erano indisturbate tramite il flusso sanguigno rapido, agganciantesi alle imbarcazioni, quindi muovendosi nei reticoli casuali alla ricerca delle celle infettate. “Malgrado la forza del flusso sanguigno direzionale, le celle potevano tenere il loro propri, muovendosi e la direzione cambiante, a volte passantesi all'interno di singolo vaso sanguigno,„ spiega il Dott. Dustin.

In un'altra parte dello studio, i ricercatori hanno iniettato una molecola non Xeros. Qui ancora, le celle si sono comportate come gli atleti. Bruscamente si sono fermate e rimanere ancora, segnalando che avevano trovato l'antigene ed erano pronte ad assolvere il loro compito seguente di avvisamento del sistema immunitario.

E c'era ancora un altra sorpresa. DRS. Littman e Dustin avevano preveduto che sostituire il gene CXCR6 direttamente pregiudicasse il movimento delle celle di NKT. Il gene CXCR6 codifica una molecola del ricevitore sulla superficie delle celle che è compresa nel movimento e nell'attrazione delle cellule. La sostituzione del gene, che rende le celle ricevitore-carenti, dovrebbe inibire la loro capacità di aderire alle imbarcazioni, quindi direttamente inibenti il loro movimento.

Ma i ricercatori hanno trovato che la sostituzione del gene non ha pregiudicato il movimento delle celle di NTK, essi hanno appeso su ed hanno sorvegliato per gli invasori parimenti come celle con il gene. Tuttavia, il loro tasso di sopravvivenza è stato diminuito, piombo gli scienziati congetturare che il gene è stato compreso in qualche modo direttamente in un meccanismo di sopravvivenza.

Il Dott. Littman spiega gli esperimenti finora è stato artificiale perché l'antigene è stato iniettato. Il punto seguente è di determinare i generi di situazioni patologiche in cui le celle sono attivate.

Il Dott. Dustin dice che il suo laboratorio ora sta studiando un modello del mouse per fibrosi del fegato, avviato tramite l'ostruzione dei dotti biliari, per vedere come le celle con CXCR6 si muovono nelle varie circostanze. “C'è egualmente interesse significativo nello studio del modo in cui le celle di NKT rispondono all'antigene in modo che abbiano potuto essere utilizzate nei vaccini del tumore,„ lui dice.