Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova tecnologia per aiutare i pazienti del polmone e del cuore che attendono i trapianti

La nuova tecnologia di promessa può prolungare la durata di un organo venente a mancare per i pazienti che soffrono dal cuore o dall'affezione polmonare mentre aspettano un organo erogatore. L'uso delle cellule staminali può eliminare l'esigenza di un trapianto e perfino sradicare la malattia di cuore in pazienti. La ricerca e la discussione saranno presentate oggi durante i simposi alla società internazionale per la riunione annuale di trapianto del polmone e del cuore (ISHLT) e la sessione scientifica in Filadelfia.

Relatore Robert Kormos, M.D., università di Pittsburgh (Penn.) Centro medico, avvocati lo sviluppo ed uso di un'unità della pompa che indirizzerà ed in alcuni casi eliminerà, infarto. Partnered con la tecnologia della cellula staminale, la nuova pompa sarebbe più piccola e come minimo dilagante e che permetterebbe che il cuore di un paziente emerga abbastanza forte per accettare le cellule staminali impiantate che avrebbero migliorato la funzione del cuore ed avrebbero diminuito o eliminato la malattia di cuore nel paziente.

“Conosciamo dalle riuscite prove fuori degli Stati Uniti quei i risultati d'impianto delle cellule staminali nel ripristino del miocardio. Cambiando il nostro modo di pensare e parlando all'infarto nei sui stati iniziali ed usando le unità e le cellule staminali insieme, un paziente può godere della vita senza infarto invece di continuazione vivere con,„ dice Kormos.

Kormos egualmente suggerisce che un nuovo approccio per le unità di aiuto ventricolari (VAD) sia sull'orizzonte per i pazienti cardiaci. Mentre l'uso di VAD guadagna l'accettazione aumentante, un nuovo modo di pensare può cambiare il modo che medici utilizzano queste unità assistive.

Le unità di aiuto ventricolari stabilizzano gli adulti con la malattia di cuore e fungono da “ponte„ meccanico per i pazienti che aspettano un cuore erogatore. Secondo uno studio del centro medico di Columbia University, i pazienti in infarto di stadio finale che ha ricevuto un VAD hanno fatti rispetto il tasso di sopravvivenza di un anno più doppio ai pazienti che non hanno ricevuto un'unità.

Tuttavia, sfide di Kormos che VADs dovrebbe essere incorporato più presto nel trattamento. “In comunità medica spendiamo i pazienti molto tempo d'aiuto viviamo con infarto finché i loro organismi non possano più tollerarlo affatto più lungamente. Ironicamente, prima che reputiamo il candidato ammissibile per un trapianto di cuore o un VAD, il paziente può essere così malato che non è più un buon candidato per l'uno o l'altro,„ dice Kormos.

Unità pediatriche

VADs è progettato per i pazienti adulti, ma gli studi recenti indicano che possono anche aiutare alcuni bambini che soffrono dalla malattia di cuore. “Più di 70 per cento dei bambini con la malattia di cuore di stadio finale stanno gettando un ponte su con successo a trapianto con un VAD. Ciò sottolinea la necessità di sviluppare un'unità per i più piccoli pazienti che non possono essere supportati con la tecnologia corrente,„ dice James Kirklin, M.D., università di Alabama a Birmingham e partecipante nel simposio di questo pomeriggio, “le soluzioni definitive della tecnologia per l'infarto congestivo della fase dell'estremità„ alla riunione di ISHLT.

La ricerca sull'impianto dei defibrillatori cardiaci in bambini egualmente sarà presentata alla riunione. I defibrillatori contribuiscono ad impedire la morte cardiaca improvvisa ed ad provare efficace per gli adulti con la malattia di cuore.

“La nostra ricerca ha indicato che i bambini che hanno un'più alta probabilità di flusso sanguigno in diminuzione al tessuto o agli organi possono avvantaggiarsi, ma i bambini sono generalmente molto ad un più a basso rischio della morte cardiaca improvvisa,„ dice Kirklin. “Più ulteriormente gli studi ancora sono necessari.„

Unità del polmone

Parecchie unità egualmente stanno emergendo per aiutare la gente con l'affezione polmonare. I 4.000 Americani stimati erano su una lista di attesa del trapianto del polmone nel 2004 e richiedono la disponibilità erogatrice superata dell'organo da circa 75 per cento. La ricerca relativa alle unità del polmone sarà discussa durante il simposio di pomeriggio, “unità di aiuto cardiopolmonari: Guardando oltre l'orizzonte.„

“A differenza del cuore, nessun'unità meccanica esiste per i pazienti del polmone,„ dice Bart Griffith, M.D., la scuola di medicina dell'università del Maryland, Baltimora.

Griffith spiega che le buone opzioni temporanee sono state disponibili per un po di tempo, ma sono ingombranti e restrittive per i pazienti. Dice che c'è un bisogno urgente per una migliore unità assistive ed infine, una sostituzione meccanica per i polmoni guastantesi.

Un aiuto interventional del polmone (ILA), sviluppato dalla società tedesca Novalung Gmbh, mostra i risultati di promessa.

“Diverse centinaia pazienti in Europa sono stati curati con successo con ILA,„ Griffith dice.

Un'unità non invadente, il ILA è connessa al paziente e simula la funzione polmonare eliminando l'anidride carbonica ed aumentando i livelli dell'ossigeno nel sangue del paziente, alleviante il polmone nocivo dall'esecuzione del quel compito.

La ricerca di Griffith è messa a fuoco su un polmone della pompa del prototipo che potrebbe trasformarsi nel primo polmone artificiale negli Stati Uniti. Piccolo come riproduttore di CD, la sua trasferibilità offre a pazienti la mobilità mentre attivamente mescola il sangue come pompa tramite l'unità. Griffith stima che l'unità potrebbe essere pronta per uso paziente durante due anni.