Musica soft al momento di coricarsi aiuta gli anziani a dormire meglio e più a lungo

Sonno, un ingrediente vitale nella vita, a volte può diventare difficile in quanto esseri umani con l'età. Ma un recente studio condotto da ricercatori della Case Western Reserve University di Frances Payne Bolton School of Nursing e la Tzu-Chi buddista General Hospital a Taiwan dimostra che l'ascolto di musica soft al momento di coricarsi aiuta gli anziani a dormire meglio e più a lungo.

Sonno, un ingrediente vitale nella vita, a volte può diventare difficile in quanto esseri umani con l'età. Ma un recente studio condotto da ricercatori della Case Western Reserve University di Frances Payne Bolton School of Nursing e la Tzu-Chi buddista General Hospital a Taiwan dimostra che l'ascolto di musica soft al momento di coricarsi aiuta gli anziani a dormire meglio e più a lungo.

La ricerca, pubblicata nell'edizione di febbraio 2005 di The Journal of Advanced Nursing , ha scoperto che le persone anziane con problemi di sonno ha riportato un miglioramento del 35 per cento dopo aver iniziato ad ascoltare 45 minuti di musica soft prima di coricarsi. I ricercatori Hui-Ling Lai, direttore del Centro comunitario per la sanità a Tzu-Chi buddista General Hospital, professore assistente presso Tzu Chi University di Taiwan e la causa ex-alunna, e Marion Buono, docente di infermieristica a caso, ha studiato il sonno di 60 persone di età 60-83, a caso li designa, in numero uguale in un gruppo musicale e un gruppo di controllo. Hanno scoperto che i 30 che avevano ascoltato la musica accuratamente selezionata sperimentato cambiamenti fisici che aiutato sonno riposante. Tra questi più bassi cuore e la frequenza respiratoria.

"La differenza tra il gruppo musicale e il gruppo di controllo era clinicamente significativo", ha detto Lai, autore principale dello studio. "Il gruppo musicale ha registrato un miglioramento complessivo del 26 per cento nella prima settimana e questa cifra ha continuato a crescere in quanto padronanza della tecnica di rilassamento alla musica sedativo".

I partecipanti allo studio erano adulti più anziani con difficoltà di sonno che viveva nel centro di Taiwan. Quelli con determinate condizioni mediche sono stati esclusi, così come le persone che assumono farmaci dormire, bere alti livelli di caffeina o utilizzando tecniche di rilassamento esistenti come la meditazione.

Il gruppo musicale era in grado di scegliere tra sei nastri che ha caratterizzato soffuse, musica lenta. Tra queste, un nastro di musica folk cinese e cinque che era stato trovato efficace per ridurre il dolore post-operatorio in una ricerca condotta da Good.

Buono, uno dei ricercatori di punta del paese di drug-free metodi per ridurre il dolore postoperatorio, ha trovato in studi precedenti che la combinazione di relax e musica alleviato il dolore addominale postoperatorio molto più di antidolorifici.

La qualità del sonno è stato misurato nel gruppo di musica prima di iniziare con la tecnica e poi monitorati nel corso dei tre settimane dello studio. La qualità del sonno del gruppo di controllo, che non hanno utilizzato i nastri di musica, inoltre è stata valutata nello stesso periodo.

Persone del gruppo musicale ha mostrato punteggi significativamente migliore qualità del sonno in generale e in cinque delle sei sottocategorie utilizzato per misurare la qualità del sonno. Tra queste, meglio e più a lungo sonno notturno e meno disfunzioni durante il giorno. L'unico elemento che non migliorano dopo l'ascolto di musica era disturbi del sonno.

"La musica è piacevole e sicuro e la tecnica che abbiamo usato nel nostro studio è veloce e facile da imparare è a basso costo, e potrebbe essere utilizzato facilmente da infermieri," Bene ha detto. "E 'facile da usare e non provoca effetti collaterali".

Disturbi del sonno può provocare stanchezza, stanchezza, depressione, maggiore ansia, irritabilità, sensibilità al dolore, tremori muscolari e mancanza di vigilanza diurna. Lai e Buona spiegare che anche se c'è molta ricerca sul sonno, pochi studi si sono concentrati sugli effetti della musica nel migliorare la qualità del sonno, in particolare negli anziani.

http://www.cwru.edu/