Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Donne incinte con il dilemma della fronte di taglio dell'epilessia - continui i difetti di nascita di rischio e del trattamento

Un articolo nel giornale Epilepsia ha esaminato i dati recenti sui rischi connessi con la continuazione di trattamento medico delle donne con l'epilessia durante le loro gravidanze.

Mentre il consenso generale è quell'uso delle droghe antiepilettiche è associato a un aumentato rischio per i difetti di nascita, medici pesa questo rischio contro quello degli attacchi epilettici incontrollati, che possono essere più nocivi al feto che le droghe reali.

La maggior parte delle donne con l'epilessia attiva scelgono di continuare con la terapia farmacologica durante la gravidanza e di avere probabilità più di di 90% dare alla luce ad un bambino perfettamente in buona salute. Rimane non risolto se i rischi per i difetti di nascita variano con differenti droghe.

Una droga, valproate, è stata associata con un elevato rischio dei difetti di nascita che alcuni altre sebbene le ragioni per questa completamente non fossero state chiarite. Tuttavia, per alcuni pazienti, il valproate è il farmaco più efficace per gestire gli attacchi, che devono essere equilibrati contro il rischio.

Una preoccupazione supplementare potrebbe essere effetti postnatali possibili dei farmaci antiepilettici al bambino che non diventano evidenti fino all'età scolare.

La Commissione sulla genetica, sulla gravidanza e sul bambino della lega internazionale contro l'epilessia (ILAE) ha emanato le linee guida nel 1989 per la cura delle donne con l'epilessia dell'età di gravidanza, compreso l'ottimizzazione del trattamento prima della concezione e di usando gli efficaci dosaggi più bassi per il tipo e le sindromi di attacco. Tuttavia, le linee guida hanno offerto la guida limitata per i medici come ai pazienti del consiglio che considerano il trattamento dell'epilessia durante la loro gravidanza. Con questo nuovo esame, medici hanno più dati e consiglio fino a raggiungere i dati più conclusivi.

“Il rischio di induzione degli attacchi nocivi da ritiro brusco del trattamento è sollecitato e l'importanza di consiglio determinato è sottolineata,„ indica l'autore, il Dott. Torbjörn Tomson. “L'importanza di controllo mantenuto di attacco per il benessere delle donne con l'epilessia come pure per i loro feti, deve essere tenuta presente.„