Il sistema di cervello che gestisce il ciclo risveglio/di sonno potrebbe anche svolgere un ruolo nell'appetito e nel metabolismo di regolamentazione

Un nuovo studio del mouse suggerisce che un sistema di cervello che gestisce il ciclo risveglio/di sonno potrebbe anche svolgere un ruolo nell'appetito e nel metabolismo di regolamentazione. I mouse con una mutazione in un gene hanno chiamato “l'orologio,„ che aiuta il ritmo circadiano dell'unità, ha mangiato sensibilmente più ed ha guadagnato più peso.

L'individuazione ha potuto contribuire a spiegare perché reticoli-particolare interrotti di sonno una volta combinata con una dieta ad alta percentuale di grassi--sono associati con eccessiva obesità e l'inizio della sindrome metabolica qualche gente, secondo i ricercatori di supporto dagli istituti della sanità nazionali (NIH).

Lo studio, da Fred W. Turek, Ph.D. e la spigola di Joseph, M.D., Ph.D., della Northwestern University in Evanston, Ill., è disponibile al sito Web preciso di scienza.

L'istituto nazionale su invecchiamento (NIA), sul cuore nazionale, sul polmone e sull'istituto di sangue (NHLBI) e sull'istituto nazionale del diabete e digestivo e delle malattie renali (NIDDK) ha supportato questo lavoro. I NIA, i NHLBI e i NIDDK sono componenti del NIH al ministero degli Stati Uniti dei servizi sanitari e sociali.

Almeno 40 milione Americani hanno i problemi cronici di sonno e problemi occasionale supplementari 20 milione di un sonno di esperienza. Altrettanto poichè 47 milione Americani hanno sindrome metabolica, un cluster delle circostanze indicate per aumentare il rischio di una persona di malattia di cuore e di colpo. Il programma educativo nazionale del colesterolo definisce la sindrome metabolica come avendo almeno 3 di seguenti fattori di rischio: ipertensione, livelli elevati del glucosio (zucchero) che possono indicare il rischio per il diabete, i livelli elevati del trigliceride, i bassi livelli di buon colesterolo e una grande vita.

Gli scienziati hanno trovato che i ritmi circadiani (che gestiscono il ciclo risveglio/di sonno ed altri trattamenti biologici), la fame e la sazietà tutta sono regolamentati dai centri all'interno di una struttura del cervello chiamata l'ipotalamo. E gli studi precedenti in esseri umani hanno suggerito che i reticoli di sonno interrotti potessero contribuire allo sviluppo dell'obesità, del diabete e della sindrome metabolica.

In questo l'ultimo lavoro, Turek ed i suoi colleghi hanno trovato che i mouse mutanti erano più attivi durante i periodi in cui i roditori dormono solitamente. Egualmente hanno avuti meno fluttuazione nei livelli di sangue di leptina, un ormone che trasmette un segnale di sazietà al cervello. I ricercatori egualmente hanno trovato che i mouse mutanti dell'orologio avevano diminuito i livelli del ghrelin dell'ormone all'interno dell'ipotalamo, incriminanti che il ghrelin può partecipare al relè di un neurone che collega il sonno, la veglia e l'appetito. Insieme, queste alterazioni in ormoni neurali e periferici suggeriscono che una serie di circuiti precedentemente inosservati del cervello possano esistere che sono comuni a sonno ed al cibo.

I mouse con una mutazione nel gene dell'orologio hanno alimentato una dieta regolare guadagnata circa tan peso quanto i mouse normali che sono stati alimentati una dieta ad alta percentuale di grassi. I mouse con una mutazione nel gene dell'orologio hanno mostrato ancora la maggiori obesità e cambiamenti nel metabolismo una volta alimentati una dieta ad alta percentuale di grassi. Hanno sviluppato una vasta gamma di circostanze connesse con l'obesità, il diabete e la sindrome metabolica, quali gli alti livelli del colesterolo, trigliceridi e glucosio e insulino-resistenza di sangue.