Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo sforzo H7 dello scoppio di influenza aviaria in Corea del Nord ha contenuto

Lo scoppio recente di influenza aviaria in Corea del Nord (DPRK) è stato contenuto con successo, la FAO ha detto oggi, invitando il paese a continuare la sorveglianza sulle aziende agricole commoventi ed altrove a assicurarsi che nessun'infezione residua rimanesse.

Uno sforzo H7 del virus di influenza aviaria era stato individuato recentemente su tre aziende avicole vicino alla capitale Pyongyang. Sebbene questa malattia severa causata virus in polli direttamente non sia collegata con il virus di influenza aviaria H5N1 che circola in altre zone dell'Asia.

“Il virus sembra eliminarsi dalle tre aziende agricole infettate combinando selezionare di intorno 218 000 polli infettati, vaccinazione degli uccelli inalterati in pollai inalterati e nelle misure rigorose di biosecurity,„ ha detto il consulente in materia Les Sims della FAO, che ha viaggiato a Pyongyang per consigliare le autorità veterinarie nordcoreane su controllo di influenza aviaria.

La Corea del Nord ha agito subito e giustamente ed ha fornito informazioni essenziali tempestivamente, Sims ha detto e la dichiarazione ufficiale all'organizzazione di mondo per salute degli animali (OIE) è stata fatta a tempo debito. La FAO ha inviato tre esperti al paese alle autorità nazionali di aiuto nella gestione di malattia e di diagnosi. Ciò è stata fatta attraverso la rete regionale asiatica orientale su influenza aviaria installata dalla FAO.

La FAO ha invitato la Corea del Nord a continuare la sorveglianza di influenza aviaria in tutto il paese.

“I reagenti e gli strumenti del laboratorio forniti dalla FAO assisteranno nella continuazione della battaglia contro il virus, ma il rafforzamento supplementare della capacità veterinaria di sorveglianza e di sistema diagnostico è veduto come priorità per assicurare che questi lavori siano ultimati,„ ha detto Joseph Domenech, il veterinario principale della FAO.