Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Paracetamolo si è collegato ad asma ed ha diminuito la funzione polmonare

Gli Scienziati ora sospettano che regolare usi del paracetamolo dell'antidolorifico, è collegato con le più alte tariffe di asma e malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD) e funzione polmonare diminuita.

Secondo un nuovo studio gli esperimenti in animali suggeriscono quell'acetaminofene, paracetamolo, potrebbero abbassare l'attività antiossidante nei polmoni.

Il Dott. Tricia M. McKeever, all'Ospedale della Città a Nottingham, il REGNO UNITO e lei soci dicono se questa prova sperimentale traduce ad un effetto sulla malattia respiratoria umana è poco chiara. I dati conseguentemente valutati del gruppo dalla Terza Indagine Nazionale dell'Esame di Nutrizione e di Salubrità (NHANES III), condotto fra 1988 e 1994 negli STATI UNITI. Dei 13.492 oggetti nello studio, 6,9 per cento hanno avuti asma, 11,8 per cento hanno avuti COPD e 2,8 per cento hanno avuti entrambe le malattie respiratorie.

Dei partecipanti 4,3 per cento hanno riferito rispettivamente che hanno usato il quotidiano dell'acetaminofene ed altri 8,2 per cento e 2,5 per cento, hanno riferito l'uso quotidiano dell'aspirina e dell'ibuprofene.

Il gruppo ha trovato che l'uso di acetaminofene è stato collegato con un rischio aumentato sia di asma che di COPD ed il rischio è aumentato in conformità con la dose catturata. Fra quelli facendo uso di acetaminofene la funzione polmonare quotidiana era egualmente più bassa. Catturando l'aspirina o l'ibuprofene in maniera regolare non è stato associato con la malattia respiratoria.

I ricercatori dicono che i risultati necessariamente non significano che l'acetaminofene dovrebbe essere evitato ma il rischio potenziale di acetaminofene deve essere considerato ed il danno di potenziale e del vantaggio positivo se il farmaco è sostituito per un altro.

Lo studio è pubblicato nel Giornale Americano della Medicina Respiratoria e Critica di Cura, Maggio 2005.