Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo preannunciatore per successo del trapianto di sangue

Il successo dei trapianti della cellula staminale di sangue usati per trattare le malattie quali la leucemia, il linfoma di Hodgkin e l'anemia aplastica può presto diventare più prevedibile, grazie ad una scoperta fatta dai ricercatori all'università di British Columbia.

Cellule staminali erogarici di sangue -- celle che possono produrre i globuli rossi e bianchi e le piastrine -- sono iniettati in un destinatario per produrre il nuovo sangue.

Gli scienziati di UBC hanno identificato “un flag molecolare„ che può contribuire a determinare se le cellule T - celle che determinano la risposta immunitaria dell'organismo - saranno prodotte dal timo che segue un trapianto della cellula staminale di sangue. I progenitori a cellula T, o le celle della lastra, sono fabbricati in midollo osseo ma devono migrare al timo, un organo situato vicino al cuore, per maturare nelle cellule T funzionali.

Un problema comune con i trapianti della cellula staminale di sangue è l'errore delle celle del progenitore a repopulate il timo e genera le cellule T. Senza cellule T il paziente non può combattere l'infezione e la prognosi del post-trapianto è povera.

“Ora abbiamo un segnale che ci dà che le informazioni critiche su come l'organismo risponderà ai trapianti della cellula staminale di sangue,„ dicono il ricercatore principale Fabio Rossi, assistente universitario di UBC della genetica medica e della presidenza della ricerca del Canada nella medicina a ricupero. “Questo ci dà una manopola molecolare sopra se il timo sarà ricettivo a migrare i progenitori a cellula T.„

Rossi, con Hermann Ziltener, un professore di UBC di patologia e della medicina del laboratorio, trovato che una molecola ha chiamato gli aumenti di P-selectin se il timo può pronto e ad accettare le cellule T di migrazione. Gli scienziati si riferiscono alla riuscita migrazione come passando tramite “il portone timico.„ Tenendo la carreggiata P-selectin, gli scienziati possono ora individuare se i portoni timici sono aperti o chiusi.

Questa ricerca traccia la prima descrizione del meccanismo timico del portone ed è stata pubblicata recentemente in immunologia della natura. Rossi e Ziltener lavorano al centro di ricerca biomedico di UBC.

Ci sono B.C. circa 150 trapianti della cellula staminale di sangue durante ogni anno. Il tasso di sopravvivenza varia da 25-75 per cento, secondo il programma di Leukemia/BMT di British Columbia.

I ricercatori stimano che sia stato almeno cinque anni prima che la scoperta possa essere tradotta in prova clinica.

Per ulteriori informazioni sui trapianti del midollo osseo, visita www.bloodservices.ca.