Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Scoperta può aprire la strada per le immunoterapie per carcinoma della prostata

Facendo Uso di un agente comune della chemioterapia, i ricercatori al Centro del Cancro del Jonsson del UCLA ed il Dipartimento di Patologia e della Medicina del Laboratorio hanno trovato un modo muovere un biomarcatore importante espresso nel carcinoma della prostata, scuotente lo liberamente da una posizione in una cella - dove non potrebbe essere raggiunta da sangue - verso un altro, più facile verso area di obiettivo.

La scoperta, descritta nell'oggetto di coperchio di edizione Dell'11 maggio della Terapeutica Molecolare pari-esaminata del Cancro del giornale, ha potuto avere implicazioni importanti per usando l'immunoterapia per curare il carcinoma della prostata, ha detto Ayyappan K. Rajasekaran, un ricercatore del Centro del Cancro di Jonsson ed autore senior dell'articolo.

Il metodo scoperto dal gruppo di ricerca colloca l'antigene prostata-specifico della membrana (PSMA) in una posizione sulla cella che permetterebbe che le immunoterapie sangue-sopportate accedano al biomarcatore, trasformante la da un obiettivo nascosto in esposta.

“In celle di carcinoma della prostata, PSMA è espresso nella regione apicale della membrana cellulare, che il sangue non può raggiungere, in modo dall'iniezione di immunoterapia nella circolazione sanguigna non è efficace,„ ha detto Rajasekaran, anche un professore associato di patologia e della medicina del laboratorio. “Usando le informazioni dagli studi molto di base circa come la proteina di PSMA è mirata a in queste celle, abbiamo identificato un modo riorientare questa proteina all'interno della cella. Abbiamo trovato che se disturbassimo le strutture tubolari vuote chiamate microtubuli, la parte della struttura delle cellule, noi poteva riassegnare PSMA dalla sua posizione “nascosta„ sulla membrana apicale ad un'area accessibile nella superficie basolateral.„

Per causare questa perturbazione e la rilocazione risultante di PSMA, Rajasekaran ed il suo gruppo hanno impiegato un agente comunemente usato della chemioterapia del cancro, che distrugge i microtubuli.

“Questi pazienti stanno ottenendo comunque la chemioterapia ed una volta che muoviamo lo PSMA verso un'area più accessibile sulla cella di carcinoma della prostata, potremmo potere usare alle le immunoterapie basate a anticorpo pure e potrebbero essere amministrati nel sangue,„ ha detto.

Rajasekaran ha detto che PSMA è un biomarcatore importante per carcinoma della prostata e la sua espressione nella cella è proporzionale alla severità del cancro - avanzata la malattia, più lo PSMA è espresso.

Rajasekaran ed il suo gruppo egualmente hanno indicato per la prima volta in questo studio che le celle di carcinoma della prostata mantengono una morfologia ben-differenziata, con lo PSMA nascosto nella membrana apicale della cella, anche quando il cancro si sparge fuori della prostata - un fatto che non era stato provato già. Molti ricercatori, infatti, avevano ritenuto che l'opposto fosse vero, Rajasekaran ha detto. Così scoprire il meccanismo di muovere lo PSMA verso una più posizione accessibile del trattamento sulla cella potrebbe avere ramificazioni per la cura dei pazienti più malati, quelli in cui il cancro ha sparso.

“La capacità di invertire la polarità di PSMA da apicale al basolateral ha potuto avere implicazioni significative per lo PSMA come obiettivo terapeutico,„ gli stati di studio.

L'Accoppiamento dei trattamenti può essere ancor più importante per i pazienti con i cancri avanzati, per cui poche opzioni sono disponibili, Rajasekaran ha detto. “La Chemioterapia da solo non fa tutto e l'immunoterapia da solo non potrebbe fare tutto, ma se potesse usare entrambi, potremmo avere più successo nella cura dei pazienti, particolarmente quelli di cui il cancro si è sparso,„ che lui ha detto.

Rajasekaran ed il suo gruppo hanno realizzato la loro ricerca nelle righe e nella pianificazione delle cellule di carcinoma della prostata per convalidare i loro risultati in primo luogo nei modelli animali e poi nei test clinici umani, in grado di essere disponibili durante tre - quattro anni.

Il Carcinoma della prostata si pensa che direzione 232.090 uomini questo anno da solo, secondo l'Associazione del Cancro Americana. Di quelli, 30.350 si pensano che muoiano. Il Carcinoma della prostata è la seconda causa principale della morte del cancro negli uomini.

http://www.healthcare.ucla.edu