Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo trattamento per placenta conservata

Un nuovo studio importante è stato lanciato dall'Università di Ospedale delle Donne di Liverpool e di Liverpool (LWH), per verificare un nuovo trattamento a placenta conservata `' - una circostanza dove la placenta non esce naturalmente dopo il parto.

Lo studio della VERSIONE sta organizzando dal Dott. Andrew Weeks e dal Professor Zarko Alfirevic dal Dipartimento dell'Università di Medicina Riproduttiva ed Inerente Allo Sviluppo in collaborazione con il Professor Firenze Mirembe dall'Università di Makerere nell'Uganda.

Il Dott. Settimane ha viaggiato nell'Uganda per installare lo studio con i colleghi dall'Università di Makerere, Kampala. Ha detto: “Stiamo valutando che cosa potrebbe risultare essere un trattamento di salvataggio per le donne nei paesi in via di sviluppo. Per le donne nell'Uganda che vivono molte ore camminano a partire dall'ospedale più vicino, è vitali da sviluppare un modo di consegna della placenta senza l'esigenza di un anestetico.„

Lo studio è egualmente molto importante per le donne nel REGNO UNITO. Il Dott. Settimane ha detto: “Se riuscito, questo nuovo trattamento ha potuto salvare le donne l'emergenza di un'operazione subito dopo del parto.„

Lo studio è uno studio clinico ripartito con scelta casuale destinato per valutare una nuova tecnica per il trattamento della placenta conservata - i pazienti saranno assegnati ad un ` del trattamento per caso'.

La nuova tecnica che è valutata è l'iniezione dell'ossitocina attraverso il cordone ombelicale direttamente nella placenta. I Pazienti riceveranno la droga attiva (ossitocina) o un placebo (acqua sterile). Le Entrambe iniezioni sembrano identiche e nè il paziente nè medico conoscerà quale è stato iniettato fino a dopo lo studio ha cessato. È una tecnica molto semplice - poichè il bambino già è stato consegnato ed il taglio del cordone ombelicale, non avrà effetto sul bambino.

Ai Pazienti che hanno loro bambini in uno dei siti della ricerca quale LWH e cui la placenta rimane dentro loro per 30 minuti dopo che il loro bambino nasce saranno chiesti se vogliono partecipare a questo studio. Se scelgono non a, riceveranno il metodo di trattamento corrente (rimozione manuale del `').

Il Professor Mirembe ha detto: “Stiamo rispondendo ad un bisogno insoddisfatto nel trattamento di nuove madri che hanno questa circostanza. È molto emozionante fa parte di così studio proficuo.„

Gli studi saranno intrapresi in siti attraverso il REGNO UNITO e l'Uganda in tre anni e stanno costituendi un fondo per dall'Organizzazione mondiale della sanità (WHO) ed il Benessere delle Donne - il braccio della ricerca dell'Istituto Universitario Reale degli Ostetrici e Ginecologi e la sola ricerca BRITANNICA di finanziamento della carità su tutti gli aspetti della salute riproduttiva.

http://www.liv.ac.uk/