Il conteggio del numero delle celle endoteliali nel sangue può predire l'efficacia del trattamento del cancro

Il conteggio della quantità di tipo di cella normale che circola nel sangue della gente con cancro potrebbe predire se un tumore progredisce o risponde alla terapia, un nuovo studio piombo dal Cancro che completo dell'università del Michigan il centro ha trovato. L'individuazione potrebbe dare a medici un'indicazione iniziale di se un trattamento sarà riusciti, mesi con parsimonia dei pazienti di una terapia inefficace.

I ricercatori hanno esaminato il numero delle celle endoteliali - celle normali che allineano i vasi sanguigni - che stavano circolando nel sangue della gente con il sarcoma. Gli studi precedenti hanno indicato che i livelli elevati di fare circolare le celle endoteliali sono trovati nella gente con cancro confrontato alla gente che è senza Cancro. In questo studio, i ricercatori hanno trovato che pazienti di cui il cancro si è sviluppato dopo due mesi del trattamento ha avuto alti livelli di fare circolare le celle endoteliali prima di cominciare la terapia, mentre i pazienti di cui il cancro è rimanere stabile hanno avuti bassi livelli di queste celle.

“Questa prova può essere usata per predire il risultato e la sopravvivenza del paziente. Inoltre, ci sono una serie di droghe disponibili nella clinica e può essere possibile usare questa prova per riflettere l'efficacia di una droga in un paziente determinato,„ dice il panettiere di Laurence, D.O., professore di medicina interna e di farmacologia alla facoltà di medicina dell'università del Michigan. Il panettiere presenterà studio risultati sabato 14 maggio, alla società americana della riunione annuale clinica dell'oncologia a Orlando, Fla.

Le celle endoteliali di circolazione sono l'obiettivo di nuove droghe di anti-angiogenesi, che sono destinate per inibire la crescita dei vasi sanguigni che alimentano i tumori. L'angiogenesi, il trattamento naturale di formazione del vaso sanguigno, è creduta per contribuire alla crescita e sviluppo delle cellule tumorali.

In questa prova multicentrata, i ricercatori hanno prelevato i campioni di sangue da 88 persone con il sarcoma avanzato, un cancro dei tessuti molli ed analizzato per determinare il numero delle celle endoteliali che circolano nel sangue. Gli inibitori di angiogenesi mirano a queste celle, in modo da un cambiamento nel numero di fare circolare le celle endoteliali suggerirebbe un cambiamento nello stato del tumore.

“Poiché la cella endoteliale è l'obiettivo di queste droghe di anti-angiogenesi, potreste potere determinare molto rapidamente se la terapia sta funzionando,„ il panettiere dite. Tradizionalmente, i pazienti subiscono i raggi x ed altre scansioni della rappresentazione per vedere se i tumori sono scomparso o si restretti.

I partecipanti di studio sono stati dati una nuova droga anti-angiogenica chiamata ABT-510. Come componente di una sperimentazione di fase II, i pazienti con il sarcoma avanzato del tessuto molle sono stati definiti a caso ad una di due dosi di ABT-510. Sono stati valutati ogni otto settimane per determinare se il tumore stava reagendo al trattamento. Lo studio ha esaminato la gente con il sarcoma avanzato che si era riprodotto per metastasi, o si era sparso ad altre parti del corpo. I tassi di sopravvivenza per questa fase del sarcoma sono molto bassi: circa 10 per cento - 15 per cento sono vivi dopo cinque anni.

Più di in un terzo dei pazienti che catturano ABT-510, il cancro non aveva progredito sei mesi dopo la terapia. Con le droghe standard, soltanto 14 per cento dei pazienti non vedono il loro cancro progredire entro sei mesi.

ABT-510, un inibitore di angiogenesi in via di sviluppo ad Abbott Laboratories, è creduto per lavorare rallentando o fermando la crescita dei vasi sanguigni, quindi soffocante l'offerta di sangue di un tumore. Questi tipi di droghe mirano alle celle endoteliali, inducente li a morire ed impedicenti i nuovi vasi sanguigni essere formata.

In questa prova, i livelli endoteliali di circolazione delle cellule nel sangue del partecipante di studio sono stati valutati all'inizio della prova, di un mese dentro e di ogni due mesi da allora in poi. I ricercatori hanno identificato il cytometry a flusso diretto di circolazione delle cellule endoteliali, un metodo di analisi che separa le celle da energia e per le macchie che attirano verso i tipi specifici di celle.

I ricercatori hanno trovato che i pazienti con il minimo che fa circolare i conteggi endoteliali delle cellule, definiti come più poco di 15 per campione di sangue, sono rimanere più lungamente sulla terapia della gente che ha avuta più di 15 celle endoteliali di circolazione per campione all'inizio del trattamento o di un mese nel trattamento. Ai pazienti sono stati permessi rimanere sulla terapia finché il loro tumore non si sviluppasse da 50 per cento.

I risultati suggeriscono che medici possano potere adattare il trattamento basato sulla probabilità della risposta, pazienti potenzialmente di commutazione dai trattamenti che non stanno funzionando per loro e non stanno risparmiandoli mesi degli effetti secondari inutili.

ABT-510 è fra parecchi inibitori di angiogenesi che sono provati nei tipi differenti di cancri, compreso il sarcoma, il cancro al seno, il cancro polmonare ed il tumore del colon.

Oltre al panettiere, gli autori di studio sono George Demetri dell'istituto del Cancro di Dana Farber; David Mendelson e Michael Lobell, entrambi dall'università dell'Arizona; Eric Rowinsky del centro di terapia e di ricerca del Cancro a San Antonio, il Texas; ed Evelyn McKeegan, cavaliere di Raymond, alba Carlson e Paul Cernohous, tutto da Abbott Laboratories.