Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il chemoprevention dello Statin con sorveglianza minima ha potuto impedire 96 per cento dei tumori del colon

Le influenze di colite ulcerosa circa una su ogni 2.000 Americani e dopo avere vissuto con la malattia per 30 anni, quasi 22 per cento di quella gente svilupperanno il tumore del colon.

Per quei pazienti, il livello di cura corrente nella prevenzione di tumore del colon è frequente sorveglianza colonoscopic e biopsie casuali ogni un - due anni, che possono piombo alla rimozione chirurgica del colon e significativamente fanno diminuire la qualità di vita di un paziente. Ma un nuovo studio dal sistema di salubrità dell'università del Michigan suggerisce che ci possano essere migliori e mezzi più redditizi per impedire il tumore del colon in pazienti con colite ulcerosa, una malattia di viscere infiammatoria.

I ricercatori dalla divisione del sistema di salubrità di U-M della gastroenterologia hanno esaminato la redditività del chemoprevention di cancro colorettale con gli statins, classe A di farmaci comunemente usati per abbassare il colesterolo. I ricercatori hanno trovato quel chemoprevention dello statin solo, o con le colonoscopie rare, possono essere una strategia di promessa per la gestione dei pazienti con colite ulcerosa cronica che il livello di cura corrente.

I risultati dello studio saranno presentati il 16 maggio alla riunione annuale di settimana di malattia digestiva in Chicago.

La redditività di tutta la strategia della prevenzione per la mortalità del tumore del colon nella colite ulcerosa dipende non solo dall'efficacia di sorveglianza o del chemoprevention, ma anche sulle tariffe di complicazione, i costi e la qualità di vita del paziente, dice l'autore principale Joel Rubenstein, M.D., M.Sc., un conferenziere nella divisione della gastroenterologia e epatologia nel dipartimento di medicina interna alla facoltà di medicina di U-M.

“La sorveglianza impedisce il cancro dai pazienti principali per avere colectomie, la rimozione chirurgica della parte o di intero colon, che può fare diminuire significativamente la loro qualità di vita,„ dice Rubenstein, che egualmente è un medico del personale al sistema sanitario di Ann Arbor degli affari del veterano. “Ma il nostro studio mostra le possibilità di altri interventi in termini di estensione e miglioramento della qualità di vita. Evidenzia i trabocchetti delle strategie di sorveglianza e la resistenza potenziale del chemoprevention.„

Per l'analisi costo-utilità di prevenzione di tumore del colon in pazienti con colite ulcerosa, Rubenstein ed i suoi colleghi hanno creato col passare del tempo un modello markoviano, una simulazione matematica dei pazienti ipotetici. Nessun paziente reale è stato iscritto a questo studio.

I pazienti ipotetici hanno consistito degli uomini di 35 anni con una cronologia di otto anni di colite ulcerosa, che era inattiva ai tempi dell'iscrizione nello studio. Facendo uso di questo modello, lo studio ha seguito il gruppo fino all'età 90 o fino alla morte, qualunque ha accaduto in primo luogo.

Per determinare se il chemoprevention dello statin è più redditizio del livello di cura corrente, lo studio ha confrontato sette strategie per prevenzione di tumore del colon, compreso non fare niente, la colonoscopia annuale, la colonoscopia ogni cinque anni, lo statin da solo e lo statin congiuntamente alla colonoscopia annualmente, ad ogni cinque anni o ad ogni 10 anni.

Dall'età 47, 6,3 per cento dei pazienti in “non fanno niente„ strategia, significante essi non hanno ricevuto gli statins o non hanno subito la sorveglianza, tumore del colon sviluppato. Nel corso delle loro vite, 37,5 per cento dei pazienti in questo gruppo hanno sviluppato il tumore del colon ed hanno incorso in un costo medio di $103.801 per cura.

Mentre la sorveglianza annuale senza chemoprevention dello statin ha impedito 96 per cento dei cancri, 57 per cento dei pazienti in questo gruppo hanno subito una colectomia e la loro vita ha costato per cura era $103.348. Tuttavia, con sorveglianza ogni cinque anni, 39 per cento dei pazienti hanno subito una colectomia e 57 per cento dei cancri sono stati impediti ad un costo annuale di $96.977.

Il chemoprevention dello Statin senza sorveglianza ha impedito 90 per cento dei cancri e 15 per cento dei pazienti hanno richiesto una colectomia. Il costo medio per cura di vita per questo gruppo era $108.051.

Ancor più promessa, i pazienti riceventi gli statins e subenti la sorveglianza hanno vissuto più lungamente dei pazienti che hanno subito la sorveglianza da solo ed hanno avuti una migliore qualità di vita. Pazienti che hanno ricevuto gli statins ed hanno subito la sorveglianza ogni 10 anni hanno avuti una volta che 96 per cento del loro cancro impedito - la stessa proporzione come coloro che ha subito la sorveglianza annuale senza statins.

“Infine, abbiamo trovato che il chemoprevention dello statin di tumore del colon è una strategia di promessa per la gestione dei pazienti con colite ulcerosa cronica ed abbiamo dimostrato le imperfezioni di sorveglianza,„ dice Rubenstein. “Questo studio aggiunge ad un organismo crescente delle analisi della redditività che dimostrano un principio comune: l'efficace prevenzione con le medicine è redditizio confrontata a sorveglianza seguita dagli interventi puntuali, quale chirurgia.„

Gli Statins originalmente sono stati sviluppati per abbassare il colesterolo, ma egualmente sono stati trovati per indurre la morte programmata delle cellule delle cellule tumorali colorettali in laboratorio e gli studi d'osservazione suggeriscono che gli statins proteggano i pazienti con colite ulcerosa da tumore del colon di sviluppo, dica il co-author Peter Higgins M.D., Ph.D., conferenziere nella divisione della gastroenterologia e epatologia di studio nel dipartimento di medicina interna alla facoltà di medicina di U-M.

“I risultati del nostro studio sono preliminari. La più ricerca ancora è necessaria per determinare precisamente l'efficacia degli statins nella prevenzione di tumore del colon, l'accuratezza della colonoscopia nella rilevazione dei cambiamenti precancerosi e la qualità di vita della gente con colite ulcerosa che segue una colectomia,„ dice Higgins. “Tuttavia, questo studio prova il principio che il chemoprevention è un'efficace strategia per la prevenzione di tumore del colon colite-associato ulceroso. Se possiamo provare che i farmaci come gli statins sono efficaci mezzi per impedire il cancro ad un costo ragionevole, la chemioterapia può essere la migliore alternativa per frequentare la colonoscopia in pazienti con colite ulcerosa.„

Oltre a Rubenstein e a Higgins, lo studio co-è stato creato da Akbar Waljee, M.D., l'ufficiale della casa, il dipartimento di medicina interna alla facoltà di medicina di U-M; Joanne Jeter, M.D., con la divisione di ematologia/di oncologia alla facoltà di medicina di U-M; e John M. Inadomi, M.D., professore associato, il dipartimento di medicina interna alla facoltà di medicina di U-M e capo e Direttore provvisori di endoscopia, sistema sanitario di Ann Arbor degli affari del veterano.