Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esposizione agli iodi radioattivi nell'infanzia è associata con un rischio aumentato di tumore della tiroide

L'esposizione agli iodi radioattivi, pricipalmente iodio 131 (I-131), nell'infanzia è associata con un rischio aumentato di tumore della tiroide. D'importanza, sia la carenza dello iodio che il completamento sembrano modificare questo rischio, secondo un nuovo studio nell'edizione del 18 maggio del giornale dell'istituto nazionale contro il cancro.

L'incidente nella centrale atomica di Cernobyl nell'aprile 1986 ha provocato la contaminazione radioattiva diffusa, specialmente nelle zone della Bielorussia, la Federazione Russa e dell'Ucraina. Per la gente che vive in queste aree, la dose di radiazioni principale era alla tiroide ed è venuto dall'esposizione a I-131 dal bere il latte contaminato. (La tiroide usa lo iodio per fare l'ormone tiroideo.)

È stato stimato che le tiroidi di parecchie migliaia di bambini in Bielorussia ricevessero le dosi I-131 almeno di Gray 2, un'unità della dose di radiazioni assorbente. (La gente è esposta solitamente ad una radiazione di sfondo dalle sorgenti naturali di soltanto 1 - 2 mGy all'anno.) Inoltre, un aumento molto grande nell'incidenza di tumore della tiroide in giovani è stato osservato leggermente più successivamente fin da 5 anni dopo l'incidente in Bielorussia e la Federazione Russa ed in Ucraina. Tuttavia, le domande importanti sono rimanere circa la grandezza dell'effetto di modificazione potenziale della carenza dello iodio, che era comune nella maggior parte delle aree commoventi ai tempi dell'incidente di Cernobyl.

Per valutare il rischio di tumore della tiroide dopo che l'esposizione a iodio radioattivo nell'infanzia e studia i fattori che potrebbero modificare questo rischio, Elisabeth Cardis, Ph.D., dell'agenzia internazionale per la ricerca su Cancro a Lione, la Francia ed i colleghi hanno intrapreso gli studi di caso-control di 276 pazienti di tumore della tiroide e 1.300 oggetti di controllo in Bielorussia e la Federazione Russa che erano stati l'età 15 anni o più giovani ai tempi dell'incidente di Cernobyl.

I ricercatori hanno osservato una forte relazione dose-risposta fra la dose di radiazioni alla tiroide ricevuta durante l'infanzia ed il rischio di tumore della tiroide. Questo rischio era tre volte più su nelle aree iodio-carenti che in altre aree. Il completamento dello ioduro di potassio è stato associato con un terzo del rischio di tumore della tiroide in relazione con la radiazione confrontato senza il completamento. Lo ioduro di potassio è stato utilizzato in ex Unione Sovietica per la profilassi del gozzo e si è distribuito, pricipalmente in Bielorussia, ai bambini evacuati dopo l'incidente di Cernobyl.

“Sia la carenza dello iodio che il completamento dello iodio sembrano essere modificatori importanti e indipendenti del rischio di tumore della tiroide dopo l'esposizione a I-131 nell'infanzia. Questo risultato ha implicazioni importanti di salute pubblica nel caso dell'esposizione agli iodi radioattivi nell'infanzia che può accadere dopo gli incidenti di radiazione o durante le procedure diagnostiche e terapeutiche mediche. Effettivamente, il completamento stabile dello iodio in popolazioni iodio-carenti può diminuire il rischio successivo di tumore della tiroide in relazione con la radiazione in queste situazioni,„ gli autori scrive.

In un editoriale, in un Jr. di John D. Boice, dell'istituto internazionale di epidemiologia a Rockville, il Md. e la scuola di medicina di Vanderbilt University a Nashville, Tenn., le domande di aumenti per ricerca futura sull'associazione fra tumore della tiroide e l'esposizione a I-131 nell'infanzia. Questi nuovi risultati, scrive, fornisce “nuovo e, se confermate, le informazioni provocatorie sul rischio di tumore della tiroide indotto da radiazioni e sul ruolo di modificazione delle diete carenti in iodio stabile e di amministrazione dello iodio completano i mesi dopo che l'esposizione ha accaduto.„