Infanti con la malattia di Krabbe salvata dalle cellule staminali di sangue di cavo

I Bambini con una malattia genetica interna chiamata Malattia di Krabbe possono essere salvati ed il loro sviluppo del cervello essere conservati se ricevono le cellule staminali da sangue di cordone ombelicale prima che i sintomi della malattia si sviluppino, secondo uno studio pubblicato nella questione attuale di New England Journal di Medicina.

Senza un trapianto immediato delle cellule staminali, gli infanti di Krabbe cominciano rapido a perdere tutto il conoscitivo e le funzioni di motore e morire dall'età di due, hanno detto i ricercatori. Provengono dal Sangue del Centro Medico di Duke University e Programma Pediatrico del Trapianto del Midollo ed Il Centro Clinico per lo Studio dello Sviluppo & dell'Apprendimento all'Università di North Carolina a Chapel Hill (UNC-CH).

Lo studio è il primo per dimostrare un trattamento di salvataggio per i neonati con la Malattia di Krabbe, in cui i bambini stanno mancando un enzima critico a formare la guaina di mielina che protegge le cellule cerebrali di sviluppo da danno. Inoltre, i risultati aggiungono all'organismo crescente di prova che indica che il sangue di cavo può salvare i bambini con altre “malattie lysosomal interne di archiviazione,„ di cui ciascuno proviene da una carenza specifica degli enzimi.

Questi disordini comprendono più di 45 malattie rare, quali la Malattia di Krabbe, la Sindrome del Hurler, Adrenoleukodystrophy, la malattia Metachromatic di Leukodystrophy, del Malattia di Tay-Sachs, di Sandhoff e una miriade di altre.

“Le malattie possono essere rare, ma il costo al bambino, alla loro famiglia ed alla società at large è enorme quando si considera il carico di occuparsi severamente di un bambino disabile,„ ha detto Joanne Kurtzberg, autore senior dello studio. “È semplicemente impossible da mettere un prezzo sulla vita di un bambino.„

Kurtzberg ha aperto la strada all'uso di sangue di cordone ombelicale dai donatori indipendenti nel 1993 ed il suo gruppo ha curato e salvato più bambini con i cancri e le malattie genetiche rare che qualunque altro centro nel mondo - 147 bambini in tutto. Il paziente di Duca più anziano trapiantato per una malattia lysosomal di archiviazione ora ha sette anni e si è sviluppato e progredito normalmente, secondo Kurtzberg.

Kurtzberg ha detto che i loro successi del trattamento forniscono un forte argomento per selezione obbligatoria e universale di tutti i neonati per le malattie lysosomal genetiche di archiviazione. La barriera principale a selezione neonata universale sta sviluppando un'infrastruttura per supportare il test diffuso, ha detto. Il costo di test stesso sarebbe relativamente basso.

Sebbene le malattie lysosomal di archiviazione siano rare - più poco di 5.000 nascite combinate su 4 milioni all'anno negli Stati Uniti - sono il meglio trattate se i pazienti sono diagnosticati e curati nell'infanzia iniziale, hanno detto Kurtzberg. Infatti, il trapianto in neonati rende i migliori risultati a lungo termine ed i neonati tollerano più facilmente i trapianti dei bambini e dei bambini più anziani.

“Il Tempo è dell'essenza nella cura dei questi bambini prima che i sintomi progrediscano e diventino irreversibili,„ ha detto Kurtzberg, Direttore del Pediatric Blood di Duca e Programma del Trapianto del Midollo. “Ritardare il trapianto anche una settimana o due può fare una differenza notevole nelle abilità motorie di un bambino, in modo dalla diagnosi ed il trattamento tempestivi è essenziali a conservare la funzione di motore e del cervello.„

I Bambini trapiantati dopo che l'inizio dei sintomi stabilizza ma esibisce il miglioramento neurologico minimo, hanno detto il Escolar di Maria Luisa, MD, di UNC-CH, di cui il gruppo ha valutato lo sviluppo neurologico, conoscitivo e fisico di ogni bambino con la Malattia di Krabbe prima e dopo trapianto.

Il Escolar è autore principale dello studio e dirige il Programma per la Funzione di Neurodevelopmental nei Disordini Rari al Centro per lo Sviluppo e l'Apprendimento, UNC-CH. Il programma è dedicato a tenere la carreggiata la storia naturale e gli effetti di nuove terapie in bambini con le malattie rare.

Nel nuovo studio, undici neonati asintomatici (età 12 - 44 giorni) e 14 infanti sintomatici (età 142 giorni ad un anno) sono stati curati con sangue di cordone ombelicale erogatore indipendente. Le Celle dal donatore “engrafted„ o hanno catturato la tenuta in tutti pazienti. Tutti neonati asintomatici hanno sopravvissuto al trapianto, mentre soltanto 43 per cento dei bambini sintomatici sono sopravvissuto a, lo studio indicato.

Mentre la severità dell'età e del sintomo del bambino ai tempi di trapianto è determinante per la determinazione del risultato, la sorgente delle cellule staminali è egualmente importante, ha detto Kurtzberg.

Il sangue di Cavo sembra fornire una migliore e correzione più veloce delle carenze degli enzimi del midollo osseo adulto, ha detto. Le Cellule staminali da sangue di cavo viaggiano più rapido al cervello delle cellule staminali dal midollo osseo adulto e le cellule staminali di sangue di cavo riparano le carenze sia nel centrale che i sistemi nervosi periferici, hanno detto Kurtzberg.

Quindi, la progressione di malattia stabilizza circa 2 - 4 mesi più presto in pazienti che ricevono il sangue di cavo confrontato a coloro che riceve il midollo osseo adulto e le pietre miliari inerenti allo sviluppo enormi si presentano durante quel periodo di infanzia, hanno detto Kurtzberg.

La facilità di ottenere il sangue di cavo egualmente le rende una sorgente eccellente delle cellule staminali, ha detto. Il sangue di Cavo è disponibile facilmente perché è estratto dalle placente eliminate (placenta) dopo la nascita del bambino. Il midollo osseo Adulto deve essere raccolto dai donatori viventi con una procedura chirurgica dilagante.

Per Concludere, i globuli del cavo sono meno maturi che le celle adulte del midollo osseo e così non devono abbinare perfettamente le proteine del sangue in relazione con immune del paziente, chiamate antigeni, hanno detto Kurtzberg. Soltanto quattro di sei sangue di cavo “antigeni„ devono abbinare affinchè un trapianto abbiano una possibilità di successo ragionevole, mentre il midollo osseo adulto richiede un maggior grado di antigeni di corrispondenza, lei hanno detto.

Di conseguenza, un'unità del donatore di sangue del cavo può essere identificata e verificato in una settimana, mentre un donatore adulto di corrispondenza può richiede i mesi per individuare e verificarsi se disponibile affatto, ha detto Kurtzberg.

I Simili vantaggi di sangue di cavo sono stati veduti in uno studio più iniziale di Duca dei bambini con la Sindrome del Hurler, i risultati di cui sono stati pubblicati nell'emissione del 6 maggio 2004 di New England Journal di Medicina. In quello studio, il gruppo di Kurtzberg ha dimostrato quello 85 per cento dei bambini che hanno ricevuto il sangue di cavo superstite a per due - sette anni -- il periodo che più lungo sono stati seguiti. La Sopravvivenza fra i bambini del Hurler che ricevono il midollo osseo è fra 63 e 72 per cento.

http://www.mc.duke.edu/